21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Giugno 2021 alle 19:30:12

Cronaca

Comune di Taranto: obbligo manutenzione aree private

Il Palazzo di città di Taranto
Il Palazzo di città di Taranto

Tutti i proprietari di aree private presenti all’interno del territorio comunale, per esempio terreni incolti, aree verdi o pertinenziali, aree inedificate, dovranno obbligatoriamente provvedere alla loro manutenzione.

Lo ha disposto il sindaco Rinaldo Melucci attraverso l’ordinanza 52 del 4 settembre, un provvedimento che mira a estendere la cura e l’attenzione per il decoro anche oltre la stretta competenza dell’amministrazione comunale.

L’abbandono e l’incuria delle aree private, infatti, è potenziale causa di disagi e danni per tutti. La mancata rimozione di vegetazione spontanea, arbusti, potature e rifiuti accumulati nei terreni, spesso a ridosso di strade pubbliche, o la scarsa manutenzione di canali di scolo, aumentano il rischio di incendi, proliferazione di animali infestanti e allagamenti, oltre a concorrere a una generale percezione di degrado.

«Contro questi fenomeni abbiamo pensato di predisporre delle contromisure – ha spiegato il sindaco –, anche per rimarcare che non tutto quello che appare non curato è di competenza pubblica. I privati devono fare la loro parte per aumentare il livello di decoro del territorio, diversamente interverremo con pesanti sanzioni: non consentiremo che la negligenza di qualcuno vanifichi gli sforzi che compiamo quotidianamente per preservare la bellezza della nostra città».

I destinatari dell’ordinanza dovranno provvedere, entro 30 giorni, a potare tutta la vegetazione che si protende su strade e aree pubbliche, comprese le radici che danneggiano l’asfalto, a ripulire le aree da erbacce, materiali e rifiuti accatastati, a provvedere alla manutenzione dei canali di scolo e, dove non vi fossero recinzioni, a installarla se non si volesse consentire l’accesso o, in alternativa, a installare cartelli che individuino la proprietà privata.

Tali operazioni dovranno essere eseguite sistematicamente e ciclicamente, la loro inosservanza comporterà sanzioni da 25 a 500 euro.

1 Commento
  1. Ficocelli luigi 10 mesi ago
    Reply

    CHIEDO SCUSA, MI RIVOLGO AL Sig. Sindaco e all’Assessore ai lavori pubblici. Ma le opere dei tronchi (acqua e fogna ), che sono stati ufficializzati a fine Maggio, con gli interventi dei tracciati , in diverse vie, della zona di Lama e talsano,i lavori terminano così? come le promesse delle giunte pregresse? Ormai da interminabili anni di disservizio.Grazie per la profusa attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche