Cronaca

Nuovo pronto soccorso del SS Annunziata di Taranto. Sopralluogo di Francesca Franzoso: un bluff. E’ ancora chiuso


“Moderno ma inutilizzato. Spazioso ma vuoto. Attrezzato ma indisponibile.  Il nuovo pronto soccorso di Taranto, inaugurato precipitosamente da Emiliano, è l’ultimo bluff  elettorale del Governatore uscente.  Il servizio di pronto soccorso del Ss. Annunziata di Taranto  continua a svolgersi nelle vecchie sale, con gente assiepata nei corridoi, tempi di attesa estenuanti,  code interminabili. Il nuovo padiglione è inattivo. Inattuato Il trasferimento  di personale e strumentazione  per l’assenza, tra l’altro,  del sistema di climatizzazione”.

Lo dichiara Francesca Franzoso, consigliere regionale a seguito  di un sopralluogo, stamattina, nei locali del pronto soccorso di Taranto

“Lo scempio del servizio di pronto soccorso del Ss. Annunziata è  rimasto intatto, dopo la passerella elettorale di Emiliano – prosegue Franzoso. La vecchia postazione è  ancora lì, purtroppo, brulicante di pazienti, con barelle in fila nei corridoi e il personale sanitario  lasciato  solo, contro le inadempienze del sistema.

Mentre il nuovo padiglione, moderno e fresco di imballaggio, è  desolatamente vuoto, inaccessibile.  La fruizione del  reparto non è  ancora possibile a  causa della mancata attivazione, tra altro,  del sistema di condizionamento dell’aria. Motivo per il quale la strumentazione medica e diagnostica insieme a tutto il personale non è  stato trasferito nella nuova sede. Risultato: tutto come prima.

La fretta di  Emiliano di inaugurare un reparto inattivo, dunque, è  ascrivibile solo  alla causa della propaganda a cui il governatore sta piegando enti e agenzie regionali. Le inaugurazione elettorali di reparti che restano inattivi di cui i cittadini hanno un disperato bisogno, è il punto più basso mai toccato.  E soprattutto una vigliaccata contro le fasce sociali che hanno più  bisogno  di protezione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche