Cronaca

Questa è Taranto, la Regione tenta il rilancio


L’Assessorato al Mediterraneo, Cultura, Turismo e l’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, con Pugliapromozione, lanciano una campagna di comunicazione, integrata on/off line, sulla destinazione turistica “Magna Grecia e Costa Ionica”, con l’obiettivo puntato in particolare sulla città di Taranto.  Nelle Grandi Stazioni italiane, nelle stazioni di servizio delle autostrade, nei taxi di Roma e Milano, le immagini della città di Taranto e del suo mare racconteranno, a partire da oggi, venerdì 24 maggio, un territorio che magari non ci si aspetta. “Questa è Taranto” è  il claim della campagna che raggiungerà gli italiani anche sulla stampa, specializzata e non, e soprattutto sul  web, utilizzando anche un video.

E’ quanto si legge nella nota diffusa dalla Regione al termine della presentazione della campagna promozionale.

“Ho sempre considerato Taranto come uno dei luoghi più fascinosi della Puglia, con i suoi due mari, con la potenza della sua storia, con il suo grande porto mediterraneo, con la magia delle sue spiagge. Una capitale, la cui memoria collettiva occorre oggi tornare a vivificare per poterne parlare al grande mondo del turismo – ha dichiarato l’Assessore  al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, Silvia Godelli –  Un’occasione dunque per l’intera Puglia e per l’antica Magna Grecia, che potrà ritrovare nelle trasparenze del Mar Ionio e nella archeologia le ragioni di una vera rinascita di immagine e di economia”.

L’intento della campagna, nella situazione di crisi generata nell’arena mediatica dalla controversa vicenda della vicina Ilva, è quello di lanciare il territorio di Taranto sul mercato turistico italiano quale prodotto del brand of experience Puglia. La campagna di comunicazione di Pugliapromozione  si aggiunge  tempestivamente al fermento nuovo che agita Taranto nel quale alla protesta si affianca uno straordinario laboratorio di iniziative, grazie anche  al contributo del mondo associativo.

“Il pay-off della campagna voluta dalla Regione recita “la città” o “il mare” che non ti aspetti. Da tarantino e da assessore regionale alle risorse agroalimentari so invece che è possibile, visitando Taranto, vedere le proprie aspettative addirittura notevolmente migliorate nel confronto con la realtà di quei luoghi.” – ha affermato l’Assessore alle Risorse Agricole, Fabrizio Nardoni – Luoghi dall’importante valore storico, naturalistico, culturale, archeologico ma anche scrigno di produzioni di eccellenza garantite e controllate, come le nostre produzioni mitilicole. Il programma di pesca turismo che vede le nostre cozze e i nostri rosati di Puglia protagonisti di un suggestivo e originale aperitivo in “paranza” in tipico apulian style, pone l’accento, così come tutte le altre iniziative che stiamo predisponendo con l’assessore Godelli in occasione degli Open Days, su un connubio sempre più forte e vincente, ad esempio, tra la fruizione di un bellissimo Museo e la degustazione di un vino o di un piatto tipico che racconta la Puglia dei pugliesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche