07 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

Cronaca

Lavori per la realizzazione dello spartitraffico centrale nel’ ultimo tratto della SS 106″Jonica”

Lo stabilimento Eni apre le porte alla città
Lo stabilimento Eni apre le porte alla città

PUGLIA, ANAS: FIRMATO IL PROTOCOLLO D’INTESA PER IL MIGLIORAMENTO DEGLI STANDARD DI SICUREZZA DELLA SS 106 “JONICA” A TARANTO

Sottoscritto l’accordo tra ANAS e il MIBACT per la Puglia
Lavori per la realizzazione dello spartitraffico centrale nel’ ultimo tratto della SS 106″Jonica”
Bari, 9 ottobre 2020

Nell’ambito dei “Lavori per il miglioramento degli standard di sicurezza” della Strada statale 106 “Jonica” di prossimo avvio, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra la Struttura Territoriale Anas in Puglia, nella persona del suo Responsabile Ing. Vincenzo Marzi – e il MIBACT per la Puglia, – nella persona del Soprintendente Arch. Maria Piccarreta. L’ importante intervento previsto nel Contratto di Programma Anas 2016-2020, consentirà di risolvere alcune criticità nel tratto finale, di ingresso alla città di Taranto, della SS 106 “Jonica” (tra il km 489,500 e il km 491,000), fondamentale arteria di collegamento interregionale tra Puglia, Basilicata e Calabria.
L’intervento in questione consentirà di ridurre l’elevato tasso d’ incidentalità, caratterizzato dall’assenza dello spartitraffico centrale e la contestuale presenza di alcuni accessi ad importanti siti industriali, quali la raffineria ENI e la cementiera Cementir.
In particolare, nell’ambito della realizzazione della rotatoria, in corrispondenza dell’accesso alla raffineria Eni, l’intervento lambisce ed interferisce con le aree di notevole interesse storico-archeologico del complesso del Monastero di “Santa Maria della Giustizia”. I lavori progettati consentiranno di migliorare la sicurezza dell’ingresso al complesso monumentale attraverso la realizzazione di un esclusivo ramo della nuova rotatoria e permetteranno di riqualificare l’area di appartenenza esterna del complesso attraverso la sistemazione di arbustive autoctone che daranno maggior lustro e vivibilità alle aree in questione.
Questo protocollo, apprezzabile per lo sforzo profuso tra le parti interessate, mostra ancora una volta l’importanza che Anas attribuisce alla cura e alla salvaguardia, del patrimonio storico, archeologico ed ambientale del territorio nella progettazione e realizzazione delle opere stradali di competenza.

Anas, società del Gruppo FS Italiane, ricorda che quando guidi, Guida e Basta!No distrazioni, no alcol, no droga per la tua sicurezza e quella degli altri (guidaebasta.it). Per una mobilità informata l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all’applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Il servizio clienti “Pronto Anas” è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito 800.841.148.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche