10 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Maggio 2021 alle 22:30:25

Cronaca

I sindacati sullo scontro Azzolina-Emiliano sulla scuola aperta-chiusa


Rivolgiamo un accorato appello alla Ministra Azzolina e al Governatore Emiliano affinché si accantonino i toni della polemica per trovare una linea condivisa capace di fare chiarezza nella complessa situazione in cui versa la scuola pugliese anche coinvolgendo direttamente il Presidente del Consiglio dei Ministri quale garante di tutti i cittadini.
Nel frattempo, chiediamo al Governatore Emiliano di collaborare con i Sindaci, sia livello comunale che intercomunale, affinché i territori che presentano i picchi più elevati di contagio siano autorizzati ad adottare, in maniera condivisa con i sindacati territoriali, tutte le misure idonee, per evitare l’aggravamento della situazione epidemiologica”.
È quanto, in conclusione del loro comunicato stampa odierno sottoscrivono i segretari generali dei sindacati scuola di Puglia – Claudio Menga (FLP Cgil), Roberto Calienno (CISL Scuola), Gianni Verga (UIL Scuola) e Chiara De Bernardo (SNALS) – in cui affermano “La scuola pugliese non riesce ad avere serenità e certezze normative perché anche nelle ultime ore stiamo assistendo a un gravissimo scontro istituzionale tra la Ministra Azzolina e il Governatore Emiliano”.
E, tra l’altro, pongono in estrema evidenza che “Anche se il baricentro di questa partita si sposta sempre più a livello nazionale, non possiamo non evidenziare alla Ministra e al Governatore che, al centro di questo scontro politico, oltre ai Dirigenti, al personale docente ed Ata, ci sono gli studenti e con loro centinaia di migliaia di cittadine e cittadini pugliesi i quali, in un momento storico unico e delicato come quello che stiamo vivendo, di tutto avrebbero bisogno tranne che di assistere ad uno scontro che ha sempre meno i contorni di uno scontro istituzionale e sempre più acquista la fisionomia di un conflitto personale”.

Per FLC Cgil CISL Scuola UIL Scuola SNALS di Puglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche