Cronaca

“Borgo a colori, peccato per i parcheggi”


TARANTO – E’ stata più che una scommessa vinta, anche se non qualche “handicap” come quello dei parcheggi. Questa l’opinione prevalente fra i commercianti che hanno partecipato all’iniziativa di domenica “Il Borgo a colori”. 

«Non ci aspettavamo tutta quella gente – spiega il commerciante Salvatore Cafiero – e non prevedevamo nemmeno questo ottimo risultato. E’ stata la prima volta che in centro si vedeva così tanto movimento, all’infuori del periodo della Settimana Santa. La cosa più bella é stata vedere la gente con il sorriso sul volto. Ovviamente purtroppo c’é stato il solito problema dei parcheggi, che sollecitiamo sempre e che non trova riscontro verso l’amministrazione comunale. Quella di domenica non era una manifestazione con la quale noi intendevamo fa cassa, ma é stata concepita per mettere Taranto in mostra. Peccato per quei commercianti, pochi, che se pur di alto livello hanno preferito restare chiusi o per i franchising che non hanno aderito all’iniziativa. Una nota di merito certamente va spesa, invece, per al neo presidente De Gennaro che ha studiato la manifestazione nei vari dettagli».

Una manifestazione riuscita, dunque, che può essere l’inizio di una lunga serie.

«Questi eventi – aggiunge Massimo Miccoli, di Mr Toys – fanno sempre piacere, ma servono i parcheggi. C’era troppo traffico e la gente non riusciva a parcheggiare. E’ un peccato se offriamo la possibilità di vedere tutto ciò che realizziamo e poi la gente perde un’ora circa per parcheggiare. Il Comune deve trovare una soluzione».

«Una bella iniziativa – evidenzia il signor Mirabile – nella quale ha funzionato tutto, dal servizio d’ordine, alla pulizia, all’organizzazione. Complimenti davvero a tutti i negozianti».

«Sono favorevole a queste iniziative – chiosa Augusto Rapillo, di Appia Store – perché servono a scuotere il torpore che c’é in giro. Bisognerebbe farle più spesso e più compatti. L’affluenza é stata buona, anche se c’erano tanti curiosi, ma chi ben comincia…».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche