24 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 24 Novembre 2020 alle 10:03:37

Cronaca

Don Emanuele Ferro per Santa Cecilia


Quella di santa Cecilia, la patrona dei musicisti, è la festa che annuncia il Natale, tanto cara ai tarantini. Una festa popolare che ci parla di una tradizione di fede genuina, vissuta in famiglia e, ancora oggi, non contaminata dalla deriva consumistica. Abbiamo voluto rispettare la tradizione, nei modi che questa terribile pandemia ci detta, e portare nelle case dei tarantini che vivono qui e che sono nel mondo “la prima squilla”. In segno di vicinanza e di comunione con tutti i tarantini, specialmente coloro che risiedono fuori Taranto, e all’alba di domenica 22, la diffonderemo per non rinunciare all’atmosfera di speranza, per aprire nel calore delle nostre famiglie la strada per il santo Natale tutto tarantino.
Prima ci sarà il saluto dell’arcivescovo di Taranto Filippo Santoro seguito da quello del sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, quindi avrà luogo la preghiera della benedizione dei musicanti presieduta dal parroco di san Cataldo, don Emanuele Ferro. Sarà quindi il momento delle pastorali eseguite dalla grande orchestra di fiati santa Cecilia diretta dal maestro Giuseppe Gregucci, perché nelle case arrivino le immagini e i suoni del Natale più lungo del mondo. La preghiera è preceduta da una poesia in dialetto tarantino di Cataldo Sferra dedicata al giorno di Santa Cecilia e declamata da Giovanni Guarino. Presta servizio alla funzione la confraternita di San Cataldo.

Come tradizione vuole, ci leveremo ugualmente presto il giorno di santa Cecilia. Ci connetteremo alla rete, sulla pagina  Facebok della “basilica cattedrale di San Cataldo”, alle 5 del mattino, per ascoltare nelle nostre case le pastorali, vedere la nostra cattedrale dove ci siamo radunati negli ultimi anni, in centinaia, per la benedizione delle bande e la piccola processione di Santa Cecilia. In differita, per ovvie ragioni di sicurezza, potremo semplicemente condividere un segno di speranza, di attesa di tempi nuovi e perché no, di resistenza fiduciosa!

La sera del 22 alle ore 18.00 l’arcivescovo presiederà in cattedrale la santa messa, alla quale si potrà partecipare in maniera contingentata rispettando le norme vigenti.

Don Emanuele Ferro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche