17 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Giugno 2021 alle 19:23:30

Cultura

MArTA e Ciheam firmano protocollo d’intesa

Al Bano e la direttrice del Museo MArTA, Eva Degl'Innocenti
Al Bano e la direttrice del Museo MArTA, Eva Degl'Innocenti

E’ stato siglato giovedì, 20 maggio, al MArTA, un protocollo di intesa tra il Museo Archeologico Nazionale di Taranto e il Ciheam di Bari, partner dell’organizzazione intergovernativa dell’Unione per il Mediterraneo, per avviare una serie di iniziative allo scopo di valorizzare l’immenso patrimonio storico e culturale offerto dal Mediterraneo.

Allo stesso tempo è stata siglata una lettera di intenti tra Museo, Ciheam e la Fondazione “L’isola che non c’è”. A suggellare l’evento sono stati la direttrice del MArTA, Eva degl’Innocenti, l’ambasciatore Giorgio Marrapodi, direttore Generale della Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il direttore del CIHEAM Bari, Maurizio Raeli, i giornalisti Franco Giuliano e Lino Patruno per “L’isola che non c’è”. Testimonial dell’iniziativa il cantante Al Bano Carrisi.

La comunione di intenti ufficializzata al Museo prevede progetti di educazione e ricerca e l’organizzazione di una giornata di incontri sul patrimonio culturale, materiale e immateriale (compresa la musica), del Mediterraneo, l’agronomia e la cooperazione internazionale.

«Il Museo Archeologico Nazionale di Taranto – ha detto la direttrice Degl’Innocenti – attraverso il suo patrimonio culturale, racconta la comune identità dei tanti popoli del Mediterraneo che hanno contribuito alla storia e alla ricchezza culturale, sociale, produttiva, della Puglia, del Mezzogiorno e dell’Italia intera. Un Mediterraneo che unisce e non divide, scrigno del passato ma anche e soprattutto miniera per il futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche