Cultura

Triplo appuntamento per il Mysterium Festival. Canta Al Bano

Il momento più atteso è alle alle 20.30 nella Cattedrale San Cataldo


Triplo appuntamento oggi, lunedì 14 aprile, per il Mysterium Festival.

Il primo è alle 11.00 in piazza Garibaldi, con l’inaugurazione di “Opere d’Arte in Container”, una delle esposizioni permanenti del Mysterium Festival che, visitabile fino al 20 aprile prossimo, è stata curata dal Consorzio delle Ceramiche di Grottaglie.

In quattro container, messi a disposizione da Euro Delta, trovano una inedita collocazione i maestri ceramisti di Grottaglie che, con le loro installazioni comprendenti manufatti e immagini, realizzano un messaggio contraddittorio, ma attualissimo, fra la terra plasmata dalle mani sapienti dell’uomo e l’industrializzazione.

Nel pomeriggio il Mysterium Festival si “trasferisce” nel Centro storico per due straordinari eventi.

Nel pomeriggio il Crest curerà “Per grazia ricevuta, ovvero l’alluvione del 1883 a Taranto” di e con Giovanni Guarino; per partecipare, l’iniziativa è libera e gratuita, basterà presentarsi alle 17.00 davanti la chiesa di Sant’Anna.

La “narrazione teatrale” di Giovanni Guarino tratterà le vicissitudini di una famiglia di pescatori dell’Isola in occasione dell’inondazione del 1883 quando, a causa di una pioggia straordinariamente copiosa, la diga eretta per la costruzione del Canale Navigabile impedì alle acque di defluire in Mar Grande, è così il Mar Piccolo inondò vicoli, stretti e case, provocando danni e morti.

La narrazione, che si terrà a Largo Pentite, sarà preceduta da una visita guidata nel Centro Storico di Taranto che, con partenza dalla chiesa di Sant’Anna alle 17.00, si svolgerà sul percorso tematico “le chiese dei pescatori”: “cicerone” sarà lo stesso Giovanni Guarino che illustrerà episodi, aneddoti e tradizioni della religiosità popolare tarantina.

In serata, alle 20.30 nella Cattedrale San Cataldo, il cartellone del Mysterium Festival presenta lo straordinario concerto “La Voce dell’Anima” con una guest star d’eccezione: Al Bano Carrisi, una delle voci italiane più amate e famose nel mondo.

Al Bano Carrisi ha così accolto l'invito di Monsignor Filippo Santoro, Arcivescovo Metropolita di Taranto, a prestare la sua meravigliosa voce per questo concerto come atto d’amore per la nostra città e, in particolare, per il suo bellissimo Centro storico.

In relazione alla grande popolarità di Al Bano, l’ingresso al concerto sarà riservato ai possessori di inviti, una formula scelta anche per limitare l’accesso a un numero di persone conforme agli standard di sicurezza della location; all’esterno della chiesa ci sarà comunque un maxischermo per permettere a tutti di godere dell’evento.

In questo grande concerto Al Bano Carrisi sarà accompagnato dall’Orchestra ICO della Magna Grecia, diretta dal M° Alterisio Paoletti.
Al Bano Carrisi canterà da par suo alcuni brani popolari di musica, sacra e non: l’Ave Maria di Bach/Gounod, una delle più famose composizioni sacre che Al Bano ha registrato nel 1997 nel suo album “Concerto classico”, la canzone “E’ La Mia Vita” presentata da Al Bano nel 1996 al Festival di Sanremo, “Mattino”, la celebre romanza scritta nel 1904 da Leoncavallo e poi ripresa negli anni Settanta da Al Bano, “Nel Sole”, la canzone di Pino Massara che Al Bano portò al successo già in Canzonissima 1971, e il “Va’ Pensiero” dall’opera “Nabucco” di Giuseppe Verdi che Albano Carrisi ha cantato al Festival di Saremo 2011 per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia vincendo il premio speciale della serata.

In questo concerto si esibirà anche la cantante tarantina Simona Galeandro, già vincitrice del Festival di Castrocaro, che canterà la famosissima “Ave Maria” di Franz Schubert, il canto liturgico “Dolce sentire” sulle parole di “Fratello sole sorella luna” di San Francesco d’Assisi e, infine, la “Ave Maria” del giovane compositore tarantino Fabio Barnaba.

Completa il programma della serata l’esecuzione, da parte dell’’Orchestra ICO della Magna Grecia diretta da Alterisio Paoletti, di tre brani orchestrali dal grande repertorio classico: il secondo movimento “Allegretto” della Sinfonia n.7 in La maggiore op. 92 di Ludwig van Beethoven, il struggente e famosissimo Intermezzo della “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni e il brano “Nimrod”, una delle Variazioni “Enigma” dell’inglese Edward Elgar.

La prima edizione di Mysterium Festival è organizzata, sotto l’alto patrocinio della Curia Arcivescovile di Taranto, da Orchestra ICO della Magna Grecia, Le Corti di Taras, Fondazione per la Cultura Taranto e Scorpione Editrice, e in collaborazione con Confindustria, Regione Puglia – Area Politiche per lo Sviluppo Rurale e Puglia Promozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche