Cultura

L’arte sulle vie francigene di Puglia

Taranto, Bari, Lucera e Brindisi si trasformano in un grande palco sul quale raccontare il cammino spirituale e catartico dei pellegrini di ieri e di oggi


E’ stato presentato ieri alla stampa dall’assessore regionale Liviano “Misteri e Fuochi sulle vie francigene di Puglia”, il progetto internazionale che il Teatro Pubblico Pugliese organizza dal 24 al 27 settembre e che raccoglierà installazioni artistiche e performance di grandi maestri di teatro, danza e visual art internazionale in quattro location che appartengono alla via Francigena pugliese: Taranto, Bari, Lucera, Brindisi.

Lo spunto tematico è la sofferenza, il pellegrinaggio, il cammino spirituale e catartico che attraversa i territori e si interseca con visioni sulla passione e sul dolore contemporaneo: chi sono i nuovi pellegrini e come vengono vissuti dalla nostra società.

“Misteri e fuochi” è un progetto FSC (P.O. FESR Puglia 2007-13 – Fondo per lo sviluppo e coesione 2007-2013 – Accordo di programma quadro rafforzato “Beni ed Attività Culturali” – La filiera del Teatro e della Danza) che la Regione Puglia ha affidato al Teatro Pubblico Pugliese – attraverso il quale si mira alla contaminazione tra tradizioni popolari e riti religiosi mediante nuove creazioni di teatro e danza che “raccontino” i territori e dialoghino con la contemporaneità, rafforzando il senso di identità culturale e di continuità delle comunità locali.

All’incontro con i giornalisti hanno preso parte Gianni Liviano (assessore all’Industria Turistica e Culturale Regione Puglia), Carmelo Grassi (presidente del Teatro Pubblico Pugliese), Giulia Delli Santi (dirigente responsabile delle attività teatrali, Teatro Pubblico Pugliese), Clara Cottino (presidente coop Crest) e Armando Punzo (compagnia della Fortezza). L’assessore Liviano, dopo aver ringraziato il Teatro Pubblico Pugliese), ha dichiarato “l’esperienza di ‘Misteri e fuochi’ è un po’ la metafora di tutto quello che l’assessorato regionale intende fare, o che ha già fatto, evidentemente nel passato.

E che vuole continuare a fare: promuovere e sviluppare, narrare attraverso le varie arti nelle comunità locali e non solo.

Le tradizioni, le storie, le passioni, le speranze e i desideri, le sofferenze, le tradizioni religiose, i percorsi spirituali di una comunità nell’immaginario di questa proposta artistica diventano emozioni, passioni verso una comunità, un territorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche