Cultura

“Nessuna croce manca”, Angelo Mellone presenta il suo nuovo libro

Incontro alla Mondadori


“Nessuna croce manca” è il titolo del libro che venerdì, 4 settembre, il giornalista e scrittore Angelo Mellone presenterà, alle 20.30, alla libreria Mondadori (via De Cesare, 35). Converseranno con l’autore Pierfranco Bruni e Mario Guadagnolo.

L’opera è la prima dell’autore romanzata e pubblicata con Baldini & Castoldi. Ma non l’ultima:  in questi giorni, infatti, uscirà un nuovo romanzo all’interno del quale Mellone disegna ritratto del mondo dei ragazzi del Fronte della Gioventù.

Ambientato nella Taranto degli anni ottanta, il libro ha come protagonisti Claudio, Dindo, Gorgo e Chiodo. I quattro amici frequentano il liceo, lo stadio, la sezione del Movimento Sociale Italiano.

Le loro sono storie che raccontano le vicende recenti della destra italiana. Una giovinezza passata all’ombra degli impianti dell’Ilva, tra uno scontro in curva e una riunione studentesca, con il sogno comune di riuscire ad andare in macchina a Berlino, per vedere crollare il Muro e vivere in prima persona la sconfitta del nemico.
Tra le pagine l’educazione sentimentale e politica di una generazione tra sconfitte e disillusioni, dal Fronte della Gioventù ad Alleanza Nazionale, da Almirante a Fiuggi, da Fini a Berlusconi.

Dalla speranza alla catastrofe.

Anche responsabile dei Progetti innovativi di Rai Uno, Mellone a pubblicato diversi saggi di analisi dei partiti e di comunicazione politica su riviste italiane e internazionali, tra cui il più recente “Dopo la propaganda” (2008). Ma anche un racconto su Rino Gaetano apparso nell’antologia “Vite ribelli” (2007).

I suoi più recenti scritti sono “Il domani appartiene al Noi. Centocinquanta passi per uscire dal presentismo” (con F. Eichberg, 2011), “Addio al Sud”, “Un comizio furioso del disamore” (2012) e, con Marsilio, “AcciaioMare”. Portano, ancora, la sua firma “Il canto dell’industria che muore” (2013), due “Orazioni civile” da cui sono state ricavate performance multimediali per il teatro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche