Cultura

“Shooting my religion”

Dal 5 marzo la nuova mostra fotografica della collettiva “Donne senza volto”


Un intenso viaggio attraverso la ricerca di sé, il credo interiore, la fede, religiosa o meno, le certezze e i riferimenti personali che 18 donne hanno voluto raccontare attraverso le immagini.

Questo il tema della nuova mostra fotografica “Shooting my religion”, realizzata dalla collettiva “Donne senza volto”, sezione femminile del circolo fotografico “Il castello” di Taranto.

L’esposizione, giunta alla sua nona edizione, sarà visitabile gratuitamente al Centro della Fotografia in via Plinio 85, sede dell’associazione e Galleria FIAF.

La mostra sarà inaugurata sabato 5 marzo alle ore 19. La serata sarà arricchita dall’intervento critico di Orietta Bay, docente del Dipartimento Didattica della FIAF, critica fotografica, curatrice di mostre fotografiche esposte in spazi prestigiosi (Palazzo Ducale, Palazzo Rosso, Palazzo San Giorgio, il MuMa a Genova e gli Scavi Scaligeri di Verona) e operatrice culturale.

Quello di “Shooting my religion” è un tema intimistico e privato che si pone in continuità con il lavoro svolto dalla collettiva negli ultimi otto anni. Dal 2008 a oggi, infatti, le fotografe di “Donne senza volto” hanno affrontato temi come l’uomo, la canzone, la violenza contro le donne, la Costituzione italiana, i libri, le donne che hanno fatto la storia, le mille interpretazioni del rosso, l’alimentazione e, quest’anno, la fede più profonda di ognuna di loro. Il nome “Donne senza volto” è un omaggio alle tante donne del mondo che, ancora oggi, non sono libere di far sentire la propria voce; al tempo stesso, è un riferimento al fatto che non è il volto della fotografa ad essere importante, ma la sensibilità e le emozioni che ognuna esprime attraverso i suoi scatti. L’evento è realizzato con il patrocinio del Comune di Taranto e della FIAF – Federazione italiana associazioni fotografiche.

Questi i giorni e gli orari di visita: sabato 5 marzo, dalle 19.00 in poi; domenica 6 marzo, dalle 10 alle 12,30 e dalle 17 alle 20,30; venerdì 11 marzo, dalle 17 alle 20: sabato 12 marzo, dalle 10 alle 12,30 e dalle 17 alle 20,30; domenica 13 marzo, dalle 10 alle 12,30 e dalle 17 alle 20,30; venerdì 18 marzo, dalle 17 alle 20; sabato 19 marzo, dalle 10 alle 12,30 e dalle 17 alle 20,30: domenica 20 marzo, dalle 10 alle 12,30 e dalle 17 alle 20,30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche