Cultura

Presentazione del libro “la forza del mare”

Venerdi al Salone degli Specchi di Palazzo di Città, Taranto


 

Sarà presentato domani, venerdì 13 dicembre alle ore 18.00, al salone degli Specchi di Palazzo di Città a Taranto il libro di Giusy Romeo dal titolo “La forza del mare”. Col Patrocinio del Comune di Taranto, si racconta la storia di Mirko, un ragazzo che è stato sempre positivo nonostante la disabilità. La sua storia si intreccia in quella del gruppo sub “Enjoy your dive”. Sub che fa rima col mare, uno degli amori di Mirko. Prevista la partecipazione del Garante Regione Puglia dei diritti delle persone con disabilità, Giuseppe Tulipani. L’incontro è stato fortemente voluto dalla consigliera comunale, Carmen Casula, in stretta collaborazione con l’amministrazione comunale di Taranto e il gruppo sub “Enjoy your dive”. “Mirko non potrà avere una vita normale. Purtroppo sarà un vegetale” queste sono state le parole alla nascita del ragazzo che, però, ha puntato tutto sulla positività nonostante tutto, l’energia e la voglia di vivere che ha trovato in sé stesso. La stessa autrice ha puntato l’attenzione proprio sul vedere tutto illuminato, nonostante tutto. Il titolo previsto del libro, inizialmente, era “Il bambino che non doveva vivere” ed è stato trasformato in “La forza del mare”. Perché c’è questo intreccio con la storia del gruppo sub, alcuni dei quali appartenenti all’HSA (Handicapped Scuba Association). Se lo vuoi puoi dice Mirko, lo stesso il gruppo sub. La Enjoy permetterà a Mirko di realizzare il suo sogno di poter entrare in simbiosi col mare, dimostrare che la sua disabilità non sarà un ostacolo e potrà avere il brevetto sub. Insomma: Mirko e la Enjoy your dive uniti nel comune amore per il mare. Il consigliere Carmen Casula, dal canto suo, ha voluto rimarcare “l’importanza del vivere la disabilità in maniera differente. Abbattersi non serve a nulla, combattere sì. La storia di Mirko, commuovente e soprattutto in questa città legata al mare molto importante, mi ha preso in maniera totale e spero che il messaggio dell’autrice possa passare a tutti coloro che vivono una vita differente ma che dà, allo stesso tempo, molte emozioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche