19 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Giugno 2021 alle 18:23:13

Politica

Le “grandi manovre” della politica per salvare la poltrona

Lo scenario è tutto in divenire. Si attendono le mosse di Stefàno


Chi pensava ad un sindaco “rigenerato”, presto potrebbe ricredersi. Dopo la sfilza di revoche di deleghe, che hanno contraddistinto il primo mandato del sindaco Ippazio Stefàno, a quindici mesi dal suo ritorno a Palazzo di Città, non si registrano “licenziamenti”. Fatta eccezione per quello relativo al consigliere Gianni Liviano, poi uscito dalla maggioranza, la Giunta Stefàno non ha subito variazioni.

Almeno fino ad oggi. Sì, perché continuano a circolare, con una certa insistenza, voci riguardanti un paio di assessori che rischierebbero la poltrona. Si tratta di Massimiliano Stellato, assessore al Decentramento, e di Lucia Viafora, che detiene la delega ai Servizi Sociali. Le ragioni, almeno per quanto concerne Stellato, avrebbero matrice politica.

Da settimane, infatti, sarebbero partite le “grandi manovre” che coinvolgerebbero le forze politiche che siedono in Consiglio comunale. L’assessore con delega al Decentramento pare sia intenzionato a cambiare casacca. Stando ai rumors che provengono dal municipio, Stellato potrebbe seguire l’ex coordinatore regionale dell’Udc, Angelo Sanza, nel Centro Democratico, il partito guidato a livello nazionale da Bruno Tabacci.

Anche per questo, l’Udc sarebbe pronta a correre ai ripari: tutto potrebbe decidersi nei prossimi giorni. Infatti, da domani e fino a domenica, i vertici tarantini dello “scudo crociato” raggiungeranno Chianciano per la Festa Popolare dell’Udc. In quella sede, quasi certamente, sarà decisa la linea sulla Giunta. Ma Stellato starebbe già pensando all’eventuale contromossa. I contatti, tesi a costituire un nuovo gruppo in Consiglio, sarebbero partiti da giorni. Tra gli indiziati ci sarebbero Gina Lupo (Costruire politica), Paolo Ciocia (Api) e Giovanni Ungaro (indipendente).

Per quanto riguarda Lucia Viafora (Sel), invece, le ragioni dell’eventuale “revoca” sarebbero addebitabili alla gestione dei Servizi Sociali. I problemi con le centinaia di indigenti tarantini, nei giorni scorsi hanno coinvolto anche personalmente il sindaco Stefàno che, come riportato nell’edizione di sabato di Taranto Buonasera, è stato inseguito da un cassintegrato e costretto a rifugiarsi in questura.

Infine, le deleghe extra-giunta. Settimana prossima, Stefàno potrebbe iniziare a chiamare i gruppi della maggioranza per ascoltare le richieste riguardo l’assegnazione delle deleghe per i consiglieri.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche