23 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 16:09:36

Politica

Guerra per le poltrone, dieci giorni per il rimpasto in Giunta

L’Udc chiederà la sostituzione di Stellato che potrebbe avere un incarico in Regione. A rischio Viafora


Anche se l’andirivieni di consiglieri e segretari non è ancora partito, al Municipio, così come a Palazzo Latagliata, l’atmosfera è frizzante in vista del primo rimpasto del secondo mandato del sindaco Ippazio Stefàno.

Nei giorni scorsi, l’assessore al Decentramento Massimiliano Stellato ha abbandonato l’Udc per riabbracciare Angelo Sanza nel Centro Democratico. Per lui è arrivata la nomina di segretario provinciale del partito guidato a livello nazionale da Bruno Tabacci.

Assieme a Stellato anche l’ex presidente del Consiglio comunale Gina Lupo.


L’addio di Stellato allo “scudo crociato” potrebbe avere conseguenze immediate nella Giunta comunale. In settimana, infatti, i consiglieri dell’Udc Salvatore Brisci e Valerio Lessa, saliranno la scalinata di Palazzo di Città per incontrare il sindaco e chiedere la sostituzione dell’assessore.

I componenti dell’Unione di Centro vorrebbero indicare “un esterno” ma al momento il nominativo resta top secret. Intanto sono in molti a pensare che, in caso di sostituzione, per Stellato potrebbe profilarsi un incarico in Regione.

Il rimpasto potrebbe coinvolgere, a sorpresa, anche Sinistra Ecologia e Libertà. Da giorni, infatti, si susseguono voci relative ad una revoca della delega ai Servizi Sociali al momento nelle mani di Lucia Viafora. A differenza di quanto avvenuto per Stellato, la natura del presunto dissidio con il primo cittadino non sarebbe riconducibile alla politica.

Il rimpasto di Giunta dovrebbe perfezionarsi nel giro di dieci giorni anche se il tutto potrebbe subire uno slittamento di una settimana visto che il prossimo 4 ottobre scadrà il mandato degli “assessori tecnici” Alessandro Spinelli (Patrimonio, Mobilità, Centro Storico e Politiche comunitarie) e Giorgia Strippoli (Pubblica Istruzione, Cultura, Università e Beni Culturali). Se il criterio dell’alternanza fissato dal sindaco (l’incarico degli assessori tecnici dura sei mesi) dovesse essere rispettato, all’interno della squadra di governo ci sarebbero due nuovi professionisti.

Anche in questo caso, difficile fare nomi. Il sindaco Stefàno, sotto questo aspetto, potrebbe riservare sorprese: ad aprile scelse di affidare l’incarico all’ingegnere Spinelli valutando positivamente il suo curriculum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche