14 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Giugno 2021 alle 08:14:58

Politica

Capriulo guarda Vendola e allontana Stefàno

Parole al miele per il leader di Sel: “L’ho votato due volte ma guardiamo ad ogni soluzione che ci dia la possibilità di pensare alla politica come ad un fatto nazionale”


TARANTO – “Allo stato attuale posso solo confermare che stiamo guardando, con grande attenzione, a tutto quello che sta accadendo sullo scenario politico, per trovare la giusta collocazione in un partito di respiro nazionale. Questo perchè diventa difficile continuare a fare politica civica”.
Dante Capriulo, preferisce il basso profilo: smentisce le voci, che continuano a circolare con insistenza negli ambienti del centrosinistra tarantino, riguardanti una sua prossima adesione a Sinistra Ecologia e Libertà. Come al solito, però, le smentite sono sempre farcite di elementi utili a capire quali sono i movimenti sottotraccia del politico di turno.


La partecipazione dell’ex assessore comunale al Bilancio, in qualità di relatore, ad un dibattito organizzato da Sel Taranto, potrebbe fungere da catalizzatore per processo di adesione. “E’ vero, mi hanno invitato a partecipare a questa manifestazione ma per ora non c’è nulla. Chiaro, ci stiamo guardando intorno valutando ogni soluzione che, nell’alveo del centrosinistra, possa garantirci di vivere la politica come un fatto nazionale”. Come detto, niente di ufficiale anche perchè si valutano diverse ipotesi: “Potrebbe essere Sel, come potrebbe essere un qualsiasi altro partito nazionale di centrosinistra. Ad esempio, c’è un buon rapporto con Emiliano – spiega Capriulo. Ma per ora non c’è assolutamente nulla”.
Quando gli si chiede un giudizio riguardo al presidente Vendola, il consigliere non ha dubbi: “L’ho votato per due volte di seguito…”. E quando, invece, gli si fa notare che, in caso di adesione a Sinistra Ecologia e Libertà, tornerebbe in maggioranza, appoggiando il sindaco Stefàno, la risposta è scontata: “Mai. Non ritengo l’attuale sindaco capace di governare la città in maniera consona. Non ci sarà mai un nostro appoggio a Stefàno”.
Intanto, tutti aspettano il rimpasto che il primo cittadino potrebbe varare tra qualche settimana. L’Udc ha chiesto la sostituzione dell’assessore Stellato (nel frattempo nominato coordinatore provinciale di Centro democratico). Prevista anche la nomina di due assessori tecnici con mandato di sei mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche