21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 20:01:12

Politica

Primarie del Pd, Renzi stravince grazie agli ex

In 15mila hanno scelto il segretario. La sinistra resta forte ai Tamburi, Mottola e Grottaglie. In città Civati-Cuperlo 6 a 3


Dalle percentuali bulgare di Torricella (91,74%) a quelle minime (mica tanto) di Grottaglie (50,17%). In mezzo, un marea di voti per il sindaco di Firenze Matteo Renzi che da ieri sera è il nuovo segretario del Partito democratico.

Si sono tenute ieri, infatti, le primarie del Pd per eleggere il nuovo leader ed i componenti dell’assemblea nazionale.

Nei quaranta seggi di Taranto e provincia sono andati a votare complessivamente in 15.156 (nella foto di Ingenito il seggio di piazza Immacolata).


Nella sfida tra i tre candidati, Matteo Renzi, Gianni Cuperlo e Pippo Civati, non c’è stata storia. Così come nel resto d’Italia ha stravinto Renzi. Ma se in Puglia, il primo cittadino fiorentino, ha subito una netta flessione (58,3%) rispetto alla media nazionale (67,8%), a Taranto e provincia i renziani, che nel frattempo hanno cambiato casacca lasciando la linea bersaniana dettata da D’Alema, hanno fatto sfaceli: Renzi 71,25% (10.735 voti); Cuperlo 15,82% (2.384 voti); Civati 12,92% (1.947 voti).

Ecco come è andata a Taranto città. Al Borgo-Città vecchia Civati (18,01%) si piazza al secondo posto lasciando dietro Cuperlo (10,47%). Renzi, neanche a dirlo, stacca tutti (71,52%). Stesso discorso nel seggio di Italia Montegranaro, dove Renzi si attesa al 64,58, l’on. Pippo Civati è secondo con 18,32%, mentre Cuperlo è ultimo con il 17,10%. Civati ottiene un buon risultato anche a Lama (22,69%), dove Cuperlo arranca (7,92%) e Renzi è stabile (69,39%).

Il candidato dalemiano, però, recupera a Paolo VI (24,45%). Per Renzi (65,50%) e Civati (10,04). Il deputato democratico, che a livello provinciale era supportato dal consigliere regionale Anna Rita Lemma, è secondo anche alla Salinella (18,44%), Renzi al 66,16% e Cuperlo al 15,40%. Il neo segretario del Pd, ottiene il miglior risultato, a Taranto città, nel seggio di Solito Corvisea (73,55%). Civati (13,46%) e Cuperlo (12.99%) devono accontentarsi delle briciole. Anche a Talsano, Pippo Civati conserva la seconda piazza (20,67%); Renzi è al 68,69%, mentre Cuperlo scende al 10,64%.

Il rione Tamburi, assieme a Mottola (34,35%) e Grottaglie (33,49%), si conferma roccaforte della sinistra, visto che Cuperlo ottiene il 32,76%. Renzi si attesta sul 63,82% e Civati incamera il risultato peggiore dopo quello di Lizzano (2,11%), ai Tamburi solo il 3,42%.
Infine al seggio Tre Carrare, uno dei peggiori risultati di Renzi (54,99%), di conseguenza, bene Cuperlo (25,34%) e Civati (19,68%).

Risultati accolti con soddisfazione dal Comitato Matteo Renzi. “Missione compiuta. Noi, renziani della prima ora, siamo stati il valore aggiunto – si legge in una nota. Finalmente il centrosinistra italiano ha deciso di cambiare verso per sempre, lasciandosi alle spalle 20 anni di fallimenti e insuccessi. Il risultato ottenuto nel nostro territorio, è la dimostrazione che esiste una forza politica formata da uomini e donne che credono ancora nella possibilità di rinascita di questa città tormentata da mille problemi, che non ha avuto mai una classe dirigente che l’abbia degnamente rappresentata a livello nazionale. Ora anche Taranto cambierà verso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche