09 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Maggio 2021 alle 18:23:49

Politica

Cervellera: “Scusa Nichi, ma io sto con Emiliano”

Intervento del Consigliere regionale di SeL


“Caro Nichi, mi ha fatto piacere vederti, dopo due anni di assenza da iniziative di partito a Taranto, nell’Assemblea Provinciale dell’altra sera a Carosino”.

L’incipit utilizzato dal consigliere regionale di Sel, Alfredo Cervellera, nella lettera aperta al compagno Nichi Vendola, non preannuncia nulla di buono, anzi. A dispetto della discesa in campo di Dario Stefàno, alle primarie che il 30 novembre eleggeranno il candidato Governatore del centrosinistra, il consigliere “vendoliano” annuncia il suo sostegno al candidato del Pd, Michele Emiliano.

“Se tu fossi stato in campo non avrei avuto dubbi a sostenere la tua rielezione – scrive Cervellera rivolgendosi a Vendola – ma non avendo un candidato, come è giusto che sia, identitario di Partito, ritengo che i compagni e le compagne siano oggi liberi di decidere e di sostenere nelle Primarie il candidato che possa assicurare la vittoria certa al Centrosinistra, dotato di un alto profilo per continuare l’opera straordinaria svolta in questo decennio di tua Presidenza".

"Personalmente – prosegue – mi espressi già allora per Michele Emiliano: lo motivai per l’impegno e l’interesse sempre dimostrato per Taranto e citai, per ultimo, il convinto sostegno dato alla candidatura della nostra città a Capitale della Cultura Europea. Inoltre, io ho la massima stima di chi è stato per 10 lunghi anni il Sindaco di una città difficile come Bari, la seconda più popolosa del Sud, risultando il terzo in graduatoria tra i sindaci più amati d’Italia (vi risparmio il paragone con Ezio Stefàno). Significa forgiarsi sul campo come Amministratore, affrontando problemi immani con poche risorse disponibili e scelte a volte difficili e pericolose, come fu l’abbattimento delle costruzioni a Punta Perotti. Infine, e non per ultimo, pesa su di me il convincimento che le prossime elezioni regionali non saranno per il Centrosinistra una passeggiata e che non sia garantita la vittoria, prescindendo da un’idonea scelta alle Primarie del Candidato Presidente".

"Le ultime elezioni politiche – continua – hanno dimostrato che in Puglia siamo stati battuti dal Centrodestra: il risultato del Senato al riguardo è eclatante. Se il Centrodestra si ricompatta e sceglie alle Primarie (altra novità in quel campo) un candidato autorevole, potrebbero essere dolori per noi se non gli contrapponiamo chi, come Emiliano, ha saputo dimostrare elettoralmente di avere un “surplus”, un’attrattiva personale che va ben oltre il Centrosinistra, in grado di farci vincere e continuare nella “rivoluzione gentile” avviata da proprio da te in questo decennio. Questa è una mia scelta autonoma, come quella di molti compagni pugliesi: non si basa su nessuno scambio, su nessun “do ut des””.

“La mia storia politica personale lo dimostra – conclude – e poi lo si vedrà nei prossimi mesi. Ad Emiliano semplicemente chiederò impegni programmatici concreti per creare un’alternativa al disastro ecologico ed industriale in cui si dibatte Taranto”".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche