11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Maggio 2021 alle 15:46:20

Politica

Verdi contro Tamburrano. Taranto Rinasce pro Baldassari

E' polemica sulla conferenza del presidente della Provincia


E’ polemica
sulla conferenza che il
presidente della Provincia,
Martino Tamburrano, ha tenuto giovedì
per confermare, pur con
qualche puntualizzazione,
l’appoggio di Forza Italia al
candidato sindaco Stefania
Baldassari.

A mettere in
dubbio la correttezza istituzionale
di Tamburrano
sono i Verdi.
«Come Verdi della provincia
di Taranto – scrivono
i portavoce Elvira Sebastio
e Gregorio Mariggiò
– condanniamo con fermezza
il comportamento
di Tamburrano che ha
utilizzato la sua autorità
istituzionale della Provincia
per esprimere il
sostegno ad un candidato
sindaco del capoluogo.
Siamo stupefatti per tale
mancanza di rispetto per
le istituzioni da parte di
colui che riveste il ruolo di
Presidente della Provincia!
Tamburrano ha parlato a
nome di un partito, Forza
Italia, ma avvalendosi
del logo che rappresenta
tutte le tarantine e tutti
i tarantini da Avetrana a
Palazzo di Città: tempi duri per i dipendenti comunali
Ginosa. Ci chiediamo se ciò
sia dovuto a incompetenza
ad arroganza, stile “Trump
de noantri”.

In ogni caso ci
riserviamo di presentare un
esposto al Prefetto a tutela
dell’istituzione provinciale
già screditata da una riforma
scriteriata che ha tolto
il potere di voto ai cittadini
e messo a rischio il lavoro
di tanti dipendenti delle
partecipate».
Intanto, la conferma dell’appoggio
alla Baldassari arriva
anche dalla lista Taranto
Rinasce: «Discontinuità,
trasversalità, ricambio generazionale:
queste sono le
direttrici a fondamento del
progetto che vede Stefania
Baldassari come futuro
Sindaco della nostra città.

Sulla base di questi concetti
– scrive il co-portavoce
Giacomo Raffaelli – Stefania
Baldassari ha rivolto un
invito alle forze politiche
cittadine, nessuna esclusa,
di mettersi al servizio del
bene comune ritenendo di
ben interpretare il volere
dei nostri concittadini.
Un nuovo modo di fare politica
quindi. Una nuova
modalità che ha già trovato
espressione in altre
cittadine. Sia della nostra
provincia, che della nostra
regione.
L’auspicio è pertanto che
nostri concittadini, delle
varie aree della politica
partecipata, di destra e di
sinistra, raccolgano questo
invito e colgano questa opportunità.

Auspichiamo altresì che i
movimenti di riferimento
lascino liberi i propri attivisti
di mettersi a disposizione
della città con
delle insegne che a questa
facciano riferimento.
Perché sotto i colori di
questa città possano ritrovarsi
persone provenienti
da esperienze politiche
diverse.
Non cogliere quest’opportunità,
non cogliere il
senso del progetto politico,
a nostro avviso, denuncerebbe
non solo scarsa
sensibilità politica nel
non riuscire a percepire
il vento del vero cambiamento,
ma anche la voglia
di restare fuori da questo
progetto nonostante le
parole di apprezzamento.

Noi crediamo di avere
ben capito quale grande
opportunità si offre oggi
alla nostra comunità. E
per questo abbiamo colto
l’invito di Stefania Baldassari.
La nostra presenza
nel progetto è funzionale
al progetto stesso».

«Diversamente – conclude
Raffaelli – non potremo
entrare in quella che altro
non sembrerebbe che una
raccolta di figurine di un
passato ormai lontano».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche