27 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2021 alle 11:58:00

Politica

Carrieri torna in sella

Dimissioni ritirate


Costanzo Carrieri ha ritirato le dimissioni da coordinatore provinciale del Pd, carica dalla quale si era dimesso appena qualche giorno fa. Una decisione che in qualche modo frena la volontà del sindaco Rinaldo Melucci di candidare alla segreteria del partito il sindaco di Laterza, Gianfranco Lopane.
A fargli cambiare idea è stata la riunione del coordinamento politico del partito, che si è riunito giovedì proprio per affrontare i nodi congressuali. Al ritiro delle dimissioni si è arrivati quando è emersa la necessità di avere una guida per il congresso, che presumibilmente si svolgerà a novembre. Il rischio era infatti quello di avere un congresso gestito da un commissario. Un ruolo influente affinché Carrieri si decidesse a ritirare le dimissioni è stato esercitato dall’onorevole Michele Pelillo. Ma il dietro front di Carrieri va ora visto in un’altra ottica: sarà ancora lui il candidato di riferimento dell’area che fa capo al presidente della Regione, Michele Emiliano. Soluzione, questa, sponsorizzata proprio dal parlamentare passato armi e bagagli dall’area Renzi al Fronte Dem di Emiliano.Questa soluzione, tuttavia, sbarra la strada all’ipotesi Lopane, molto gradita a Rinaldo Melucci fautore di una linea di rinnovamento generazionale all’interno del partito.
Sarà quindi Carrieri ad affrontare la sfida con colui il quale dovrebbe essere il suo sfidante: Giampiero Mancarelli, che invece rappresenterà nel partito le istanze dell’area renziana. Area che conta tra le sue fila la presenza dell’onorevole Ludovico Vico.
Alle dinamiche congressuali non sono estranei i movimenti che si stanno verificando all’interno del gruppo consiliare del Partito Democratico, dove la bilancia sembra pendere verso lo schieramento pro Renzi. Degli undici consiglieri comunali, infatti, cinque sono di sicura fede renziana: Azzaro, Pulpo, Fuggetti, Di Todaro, Simili. Restano in bilico Di Gregorio e Lonoce. Entrambi potrebbero non gradire un partito guidato da Carrieri, che come segretario ha gestito il Pd nella controversa fase di formazione della nuova giunta comunale. Giunta dalla quale entrambi sono rimasti esclusi. Improbabile, quindi, che Lonoce e Di Gregorio possano convergere su Carrieri, sponsorizzato da Pelillo al quale, peraltro, sia Lonoce che Di Gregorio potrebbero rimproverare di non averli garantiti rispetto alle scelte fatte dal sindaco Melucci. Mercoledì 13 si riunisce la direzione provinciale per nominare la commissione congressuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche