Politica

Le opposizioni all’attacco. Forza Italia e ambientalisti chiedono il ritorno alle urne

Polemico anche il Psi: lesa la dignità delle forze politiche che hanno sostenuto Melucci


Opposizioni all’attacco
dopo la crisi record
della maggioranza del sindaco
Melucci, che dopo appena
tre sedute del consiglio si è
ritrovato senza i numeri per
approvare il riequlibrio di
bilancio.

Se dovesse emergere
«che il numero di consiglieri
all’opposizione superi quello
della maggioranza – tuonano
Giampaolo Vietri e Cosimo Ciraci
di Forza Italia – ognuno
dovrà assumersi le proprie
responsabilità restituendo la
parola agli elettori».

«Abbiamo preso atto – affermano
Vietri e Ciraci – che,
appena eletta, la nuova maggioranza
politica del consiglio
comunale invece di consentire
all’attività amministrativa del
comune di Taranto di ripartire,
con un forte impulso politico,
la paralizza. Ravvisando scarse
ragioni etiche e di contenuto
nelle posizioni assunte da
parte di alcuni consiglieri, la
nostra posizione di denuncia
è stata assunta, non esclusivamente
per mancanza del
numero legale da parte della
maggioranza, ma perché abbiamo
percepito l’assenza di
maturità necessaria per poter
governare una città così complessa
e difficile. È impensabile
che si possa amministrare
un capoluogo di provincia per
cinque anni in questo modo».

Di un «film già visto tra insulti
personali e fuoriuscite
di comodo» parlano Taranto
Respira ed Ecologisti,
Partecipazione è Cambiamento
e demA, le liste che hano
sostenuto il candidato sindaco
Vincenzo Fornaro.
«C’è però – scrivono le liste
ambientalixste – una differenza
con il passato: ora è in
atto una guerra tra bande di
cui le fazioni interne del PD
sono parte attiva, che hanno
tuttavia una cosa in comune:
il dispregio nei confronti della
città. Nella città alle prese con
il dissesto e con una crisi ambientale
ed economica senza
fine, vincono i particolarismi e
forse gli interessi privati. Melucci
chiarisca la situazione al
più presto; se non è in grado
di governare si ritorni al voto”.
Perplessità anche da una forza
di maggioranza come il Psi:
«Non si è lesa soltanto la figura
del Sindaco ma di tutte
quelle forze politiche che sin
dall’inizio hanno sostenuto il
programma di Rinaldo Melucci.

Il Psi – scrivono il segretario
Salvatore Mattia e la consigliera
comunale Patrizia Mignolo
– si augura che proprio
nel nome di quel rispetto nei
confronti degli elettori tutti i
consiglieri in sinergia con gli
assessori ed il sindaco riprendano
la propria programmaticità
uniti in un solo obiettivo:
l’amore per Taranto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche