21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Giugno 2021 alle 19:30:12

Politica

Rosalba De Giorgi: «Piaccia o meno, noi siamo primi»

La neodeputata del Movimento 5 Stelle: dimostreremo le nostre qualità. Petrelli (Lega) “bacchetta” Forza Italia


«La mia soddisfazione per
questo splendido risultato non riuscirò mai a
manifestarla, così come non potrò mai finire
di ringraziare tutti coloro che hanno creduto
in me e nel MoVimento Cinque Stelle, di cui
sono onorata di far parte».
Così la neodeputata del M5s Rosalba De
Giorgi.

«La politica della polemica ad ogni
costo, la politica urlata, la politica caratterizzata
da compromessi non mi appartiene.
Questa è stata la vittoria della gente perbene,
della gente che fa sacrifici, della gente che
non vuole più essere presa in giro, della gente
che non chiede altro se non di poter vivere
in un Paese migliore, capace di garantire i
servizi essenziali, salute, sicurezza, lavoro.
La gente chiede questo e tocca a noi dare
le risposte che cerca.
I cittadini ci hanno affidato un compito importantissimo:
far rinascere l’Italia. Adesso,
il nostro obiettivo sarà quello di dimostrare
che siamo capaci di farlo con competenza,
passione ed impegno.

Con il loro voto, gli
italiani ci hanno messo nelle condizioni di
poter lavorare nell’interesse dell’Italia. Che
ai nostri avversari piaccia o no, noi siamo la
prima forza politica del Paese e come tale
dimostreremo che il vero cambiamento ha
avuto inizio».
Sulla sponda del centrodestra, da registrare
l’intervento del coordinatore cittadino della
Lega, Fiore Petrelli. «Desta stupore quanto
espresso dal segretario provinciale di Forza
Italia, Michele Di Fonzo, sul risultato della
Lega-Salvini premier a Taranto. Se è vero che la Lega, in provincia di Taranto, è da
considerarsi un partito relativamente giovane,
va dato atto che è riuscita a strutturarsi,
ai vari livelli provinciali, raggiungendo
una rappresentatività territoriale di tutto
rispetto.

Con questa struttura, e senza alcun
coinvolgimento, che non fosse quello dei
singoli canditati, le donne e gli uomini di
questa provincia e di questo partito si sono
impegnati al massimo per raggiungere il
miglior risultato possibile. Non è un buon
ripartire, almeno quanto a stile, quello
della segreteria provinciale di Forza Italia
che dovrebbe, a mio modesto avviso, badare
alle cose proprie, sulle quali, in tutta
franchezza, molto ci sarebbe da dire, ma
eviteremo di dire, quanto a scelte fatte e ai
mancati coinvolgimenti degli alleati in tutte
le competizioni, amministrative comprese.
Detto questo, ritengo chiusa la polemica,
nella quale, sono entrato, mio malgrado,
ma ne esco, convinto come sono che vada
recuperato, al più presto, uno spirito di
squadra e di coalizione che può vederci
e deve vederci nel futuro, forse prossimo,
uniti e vincenti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche