Provincia

Stabili abbandonati sulla fascia costiera


PULSANO – Rifiuti, aree boschive da salvare e marina. Sono gli argomenti che in diverse istanze il Meetup Pulsano a 5 Stelle ha già sottoposto all’attenzione dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Ecclesia. 

In particolare il portavoce Giuseppe Mastronuzzi segnala presenza di stabili abbandonati che, oltre a rappresentare pericolo all’inclumità pubblica ed all’igiene, degradano la fascia costiera.

In viale del Mandorlo, scrive, insiste uno stabile in condizione di grave degrado, pericoloso per i bagnanti e che danneggia l’immagine della costa, oltre che possibile covo per tossicodipendenti e malintenzionati. Analoga situazione di pericolo esiste in viale Venere presso un complesso alberghiero, dove gli infissi sono stati asportati e quindi è facile accedervi (foto piccola in alto). Per entrambe le strutture sarebbe stato nominato un custode giudizario. Ma il pericolo incombe lungo la fascia costiera anche per via delle numerose ringhiere pericolanti. In fatto di sicurezza poi i grillini segnalano attraversamenti pedonali, parcheggi per disabili scarsamente visibili. Mastronuzzi chiede al sindaco un’ordinanza per mettere in sicurezza queste situazioni.

Sempre per garantire la sicurezza anche sulla scorta di quanto avvenuto dodici anni fa durante l’incendio di Lido Silvana, il Meetup ricorda che va rispettata l’ordinanza della Regione Puglia dell’8 maggio 2013 che obbliga i proprietari dei terreni a tenerli puliti, e quindi propone per la zona di Bosco Caggione di creare percorsi pedonali e di emanare un apposito regolamento per la manutenzione degli spazi rurali. Nei giorni scorsi un giovane è stato fermato per aver tentato di dare fuoco al bosco. “Non ci stupisce questo fatto” dice Mastronuzzi “e l’amministrazione non può prestare il fiano ai piromani di turno, deve sanzionare chi non pulisce le aree invase da rifiuti e sterpaglie”.

Chiede, infine, un ultimo intervento presso le discariche sparse nella zona a mare che arrecano disagio a residenti e villeggianti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche