04 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Dicembre 2021 alle 08:15:01

Provincia di Taranto

L’Imu a San Giorgio? Quanto a Milano


SAN GIORGIO – Una lettera aperta all’amministrazione comunale da parte dei tecnici delle imprese e degli operatori del settore edile. Un documento sottoscritto da geometri, ingegneri, architetti, per chiedere ai politici locali sforzi per essere garanti di esigenze condivise che producano un rilancio dell’economia.

«La crisi economica che colpisce la nostra comunità – si legge nella lettera – e in particolare il settore edile é drammatica. La conseguenza é la scomparsa di imprese locali che operavano sul territorio da decenni. Per cercare di uscirne bisogna anche intervenire con gli strumenti che sono disponibili operando scelte politiche e coraggiose. A livello locale infatti la politica opera in modo dissennato senza alcuno sforzo».
E per fare un esempio nella lettera si fa riferimento all’Imu.

«L’amministrazione comunale – si legge nel documento – ha imposto tariffe relative all’Imu che sono tra le più alte della regione e d’Italia, in pratica senza tener conto dello scenario degli attuali estimi catastali che attribuisce valori pressoché identici ad una seconda casa in San Giorgio Ionico ed una casa nel centro d Milano. Con le aliquote introdotte, addirittura, un sangiorgese rischia di pagare più di un milanese a parità di superficie catastale prescindendo dalla circostanza che una seconda casa a San Giorgio Ionico viene affittata a un prezzo inferiore rispetto a quelli di Milano».

Nella lettera degli edili all’amministrazione comunale si fa riferimento anche alla presunta esigenza di nomina di un tecnico esterno a settore edilizio, di cui da tempo si parla in paese.

«Riteniamo di far sentire forte e chiara ma nostra voce – scrivono gli operatori del sentire. Tale scelta é insensata e inopportuna, che la poltica si attivi se ne é capace per risolvere definitivamente il problema con uno specifico concorso, fino ad allora non vi é alcuna esigenza che non affondi le sue radici nell’avere la persona di fiducia al posto giusto per nominare un altro dirigente. Sentiamo di dover esprimere il nostro plauso all’operatore dell’Ufficio Urbanistico per come sta operando con tutti i suoi funzionari e con il suo dirigente e di doverli ringraziare per lo sforzo profuso e per i risultati ottenuti. L’invito che rivolgiamo é quello che la politica riceva più spesso e da più parti, si i sforzi di essere sempre garante di scelte condivise che producano un rilancio dell’economia e non solo di interessi di parte».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche