Provincia

“Dirigenti comunali, annullate i concorsi”


MASSAFRA – “Annullate i tre concorsi per i dirigenti comunali”.  Il consigliere comunale di opposizione Giuseppe Cofano torna sul caso Zingarelli.

Dopo l’annullamento del contratto al comandante dei vigili urbani e le vane risposte concesse durante l’ultimo consiglio comunale del 26 agosto scorso sulle iniziative da intraprendere a seguito del decreto del Presidente della Repubblica, Cofano ha scritto al sindaco Martino Tamburrano ed al segretario generale “affinchè – dice – venga ripristinata la legalità in Comune”.

Il caso riguarda i concorsi per i dirigenti comunali.

“E’ da gennaio – contesta Cofano – che denuncio l’illegittimità di quattro concorsi”.  La storia parte nel dicembre del 2010 quando il Comune affida il ruolo di comandante della polizia municipale ad Egidio Zingarelli vincitore della procedura di concorso. Parte, però, il ricorso di un altro concorrente: Giovanna Ferretti già comandante a Massafra. Ricorso accolto nel luglio scorso dal Presidente della Repubblica che ne decreta l’annullamento.

“Con l’accoglimento del ricorso da parte del presidente – secondo Cofano – sono stati annullati tutti gli atti della procedura concorsuale, nonchè tra gli altri la delibera di giunta comunale n. 358/2010 avente come oggetto il regolamento sulle modalità di accesso all’Ente per il quale l’efficacia dell’annullamento opera erga omnes”.

In altre parole annullando il regolamento vengono inficiati anche gli altri concorsi che su quel regolamento hanno fondato le modalità di accesso. “A tutt’oggi non sono stati avviati i procedimenti di risoluzione degli altri tre contratti stipuati il 29 dicembre 2012 con gli altri tre dirigenti vincitori delle procedure concorsuali nulle similmente a quella annullata e svolte negli stessi giorni e con lo stesso regolamento”. 

Tesi avallata anche dal sindaco Tamburrano che il 16 febbraio scorso nella memoria difensiva consegnata alla prima sezione del Consiglio di Stato scriveva. “L’eventuale annullamento delle delibera di giunta n. 358/2010 e n. 359/2010, inciderebbe la posizione giuridica non solo del vincitore del concorso per dirigente dell’area di vigilanza (il comandante, ndr) ma di tutti gli altri soggetti che in virtù della modifica del piano triennale del fabbisogno e della tempestiva indizione procedura concorsuale, sono stati assunti dal Comune di Massafra, usando il regolamento per l’accesso approvato con delibera giunta n. 35 del 29 ottobre 2010”.

“Un sindaco – contesta il consigliere Cofano – che durante la controvesia al Consiglio di Stato ha affermato alcuni principi, oggi non può fingere di non conoscerli. Inoltre un’amministrazione che vuole caratterizzarsi per l’affermazione della cultura della legalità non dovrebbe esistare un solo istante nell’allullare anche gli altri tre concorsi, perchè similmente al concorso annullato sono nulli, poichè sono nulle le procedure concorsuali, avendo utilizzato per le stesse atti dichiarati nulli”.

Sulla graticola i posti da dirigenti per le risorse umane, l’area tecnica ed il settore economia per i quali sono già in pentola altri ricorsi al Consiglio di Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche