27 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Gennaio 2021 alle 15:19:23

Provincia

Nuovo depuratore, ci siamo

Lunedì sera in piazza Castello dibattito pubblico promosso dal gruppo di “Nuova Pulsano” con l’ex assessore regionale Amati


PULSANO – Sedici anni. Sembravano non finissero mai. Invece, ci siamo.
I lavori per la realizzazione del nuovo depuratore consortile di Pulsano-Leporano stanno per essere completati.
Dalla Regione e dal Comune dicono: entro l’anno in corso.
Il sogno, insomma diventa realtà.
Un sogno iniziato nel lontano 1997 quando l’allora sindaco Galeandro capì che il vecchio depuratore con l’aumento della popolazione e con l’ampliamento della marina non sarebbe più riuscito a contenere i reflui.


Ed infatti, oggi, le strade vengono spesso invase dai liquami a causa dell’implosione dei tombini.
Sedici anni tra contenziosi, leggi nuove e furti che hanno tormentato i pulsanesi.
Ma ora basta.
Il tormento sta per finire.
A raccontarlo sarà direttamente l’ex assessore regionale Fabiano Amati che, oggi dal consiglio di via Capruzzi, continua a seguire i lavori.
A lui il gruppo consiliare di opposizione Nuova Pulsano chiederà lunedì sera di raccontare ai pulsanesi quello che è acceduto in questi ultimi sedici anni.
“1197-2013 – si legge nel manifesto affisso in città sull’iniziativa in programma per le 18,30 di lunedì in piazza Castello – ci sono voluti 16 anni ed oltre 30 milioni spesi per arrivare all’entrata in funzione del nuovo depuratore consortile. Dopo la gestione fallimentare dell’opera da parte delle amministrazioni Laterza-Ecclesia, l’intervento massiccio della Regione Puglia, con il commissariamento dell’opera, il suo finanziamento e la cessione all’Acquedotto Puglise, oggi siamo finalmente alla vigilia del suo avvio che rappresenterà la fine di molti problemi e disservizi per la nostra comunità. Per la prima volta a Pulsano un dibattito pubblico con l’assessore regionale grazie al quale si stanno completando i lavori”.
Un dibattito pubblico che il consigliere comunale Emiliano D’Amato considera una buona occasione per aprire finalmente un confronto anche con la comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche