Provincia

Niente stipendi alla Poseidon di Lizzano e rifiuti in strada

L'azienda che si occupa di igiene urbana è in ritardo con i pagamenti e gli operatori scioperano


LIZZANO – Strade come discariche. Scene di degrado che non passano inosservate.

Montagne di sacchi di rifiuti accatastati davanti ai cancelli, lungo i marciapiedi e persino vicino alle fontane.

Così si è svegliata Lizzano sabato scorso a causa dello sciopero inscenato dagli operatori ecologici della ditta Poseidon di Latina.


L’azienda che si occupa di nettezza urbana in città è in ritardo con il pagamento degli stipendi e gli operai hanno incrociato le braccia.
“Una situazione che non può continuare viste le condizioni in cui è stato lasciato il paese!” afferma il consigliere del Pd, Antonio Lecce che in una lettera indirizzata al sindaco Dario Macripò sollecita un immediato intervento mirato a garantire l’igiene in città.

“Mi risulta – scrive – che sia stata inviata una comunicazione da parte dei sindacati alla Poseidon ed al Prefetto in cui si evidenzia che la ditta non ha rispettato i termini contrattuali relativi al pagamento della quattordicesima mensilità ed altre inadempienze che appesantiscono la situazione già precaria dei lavoratori del cantiere di Lizzano. Gli stessi hanno effettuato uno sciopero sabato scorso che ha creto notevoli disagi a tutta la cittadinanza. Chiedo al sindaco quali iniziative intende intraprendere nei confronti dell’azienda per garantire i diritti ai lavoratori e un servizio efficiente alla comunità”.

La situazione non è nuova perchè, Lecce nella sua missiva al sindaco pone il problema dell’igiene in città.

“E’ necessaria una pianificazione degli interventi – scrive – poichè negli ultimi temi si registra un diffuso malumore della comunità che mal sopporta gli aumenti spropositati che hanno interessato il settore Sarebbe utile che la pianificazione prendesse in seria considerazione i problemi relativi alla differenziata,  all’isola ecologica, alla pulizia delle spiagge e più in generale del decoro urbano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche