Provincia

Crisi politica a San Giorgio. E ora è tutti contro tutti

La giunta, senza il Pd, approva due delibere di fuoco e i democratici si ribellano


SAN GIORGIO – Scoppia il tutti contro tutti. Il sindaco Giorgio Grimaldi incontra il Pd e cerca di placare gli animi diventati incandescenti dopo che per due mesi c’è stato il silenzio sulla richiesta avanzata dai democratici di riorganizzare l’ufficio tecnico comunale. Ma dell’incontro non sanno nulla le altre forze politiche: Idv, Udc e Sel che vengono avvisate dal primo cittadino solo all’indomani dell’incontro col Pd.

Scoppia la diatriba interna anche perchè non tutti condividerebbero la scelta del sindaco di aprire al dialogo e quindi di cedere all’istanza del Pd che, intanto, lascia congelate le deleghe al vicesindaco Cosima Farilla ed all’assessore all’Urbanistica, Antonio Radicchio.


Ma se nello scorso fine settimana le tensioni tra il sindaco ed il Pd sembravano orientate a ridimensionarsi, oggi tutto torna nel limbo perchè lo scorso 26 settembre la giunta, con assenti i due assessori del Pd, ha approvato due delibere che potrebbero non essere condivise dai democratici. Si tratta della proposta di assetto e consistenza attuale della dotazione organica che, di fatto, azzera la dirigenza dell’area finanziaria al momento vacante dopo il trasferimento della dottoressa Merico e annuncia l’annullamento di altre due dirigenze, rispettivamente dell’area amministrativa e di quella tecnica. Quella quindi per cui il Pd aveva chiesto una nuova organizzazione e gestione.

Nella stessa riunione di giunta, in cui risultano assenti gli assessori del Pd, è stata, inoltre, deliberata la nuova modalità di rateizzazione per la riscossione degli oneri di urbanizzazione. Delibera che riapre gli accertamenti sui conteggi degli oneri e dei costi di costruzione delle pratiche edilizie degli ultimi dieci anni e che potrebbe riaccendere un vecchio contenzioso con una dittà. Argomenti incandescenti che ora devono passare al vaglio del Pd. Insomma la crisi sembra solo all’inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche