25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 12:51:42

Provincia

Statte distrutta dal tornado. Due milioni per ricostruire

I fondi regionali serviranno a rifare strade, la pubblica illuminazione, le scuole, uffici comunali e la chiesa


STATTE – “Un passo importante verso il ritorno alla normalità”. Così il sindaco Angelo Miccoli commenta l’arrivo da parte della Regione dei due milioni di euro stanziati per la ricostruzione del territorio distrutto dal tornado del 28 novembre 2012.

In una conferenza stampa tenuasi a Palazzo di città, il primo cittadino e l’assessore regionale alle Politiche Agroalimentari hanno illustrato i progetti per riportare Statte alla normalità.


Il tornado infatti ebbe un effetto devastante: circa 3,6 chilometri quadrati di territorio coinvolto con danni a centinaia di abitazioni private, ma soprattutto a buona parte del patrimonio pubblico (viabilità, pubblica illuminazione, scuole, piazze e giardini, uffici comunali e lo storico campanile della Chiesa Madre).

“Dopo un anno d’attesa siamo in grado di dare alla tempistica una sterzata notevole – afferma il sindaco – perché malgrado la somma individuata per Statte non fosse stata ancora impegnata il personale del nostro ufficio tecnico ha lavorato come se i soldi dovessero arrivare da un momento all’altro e da un momento all’altro si dovessero aprire i cantieri. Per quasi tutti gli interventi, infatti, l’ufficio tecnico del Comune ha già svolto internamente le attività progettuali e per queste opere è già pronto il progetto esecutivo propedeutico all’opera. Questo vuol dire che non siamo stati fermi ad aspettare e soprattutto che su pubblica illuminazione, strade e sulla scuola media Leonardo da Vinci, i cantieri, salvo intoppi burocratici e dopo la verifica dei requisiti previsti per legge sulle offerte che arriveranno dalle aziende, potranno partire nel giro di un mese”.Il dirigente Mauro De Molfetta, che ha seguito da vicino tutte le procedure è ancora più chiaro.

“Se la Regione ci notificherà la delibera – dice – noi saremo in grado di far partire le lettere di invito alle ditte nella prossima settimana”.

Nello specifico gli interventi riguarderanno: strade pubbliche; pubblica illuminazione; scuola media L. Da Vinci; casa comunale di via San Francesco d’Assisi; chiesa Madre Maria SS. Madonna del Rosario; villetta Iclis; scuola dell’infanzia Madre Teresa di Calcutta; scuola primaria Giovanni XXIII.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche