25 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Novembre 2020 alle 17:23:31

Provincia

Tutti a lezione, interventi bloccati all’Ospedale di Grottaglie

Sospese le attività programmate di sala operatoria per le giornate del 27 e 28 novembre prossimi


GROTTAGLIE – Il corso di formazione informatica blocca gli interventi chirurgici programmati per il 27 e 28 novembre.

Scattano le prime proteste ed i reclami all’ospedale San Marco di Grottaglie. Persino i medici del reparto di ortopedia hanno già palesato disagi. La necessità di far partecipare  il personale medico ed infermieristico al corso di aggiornamento non consentirà in quei due giorni la regolare attività di sala operatoria. Saranno, comunque, garantite le urgenze.

Ma intanto le liste di attesa si allungano ulteriormente.


Chi aveva già programmato gli interventi per quei giorni dovrà attendere. E’ in fase di riorganizzazione l’intera programmazione degli interventi chirurgici.

In una nota del 23 novembre scorso il direttore medico, dott. Francesco Menza scriveva ai dirigenti del nosocomio cittadino: “Vista la necessità di garantire la partecipazione ai corsi di Edotto nei giorni 27 e 28 novembre del personale medico e infermieristico dell’ospedale San Marco, che non ha nè iniziato nè terminato la formazione a suo tempo comunicata, neppure tramite iscrizione e frequenza on line; considerata l’importanza strategica che tale formazione riveste al fine di raggiungere gli obiettivi aziendali; tenuto presente che è in atto il procedimento di accorpamento dello stesso ospedale al Poc, in attesa di ulteriori e diverse determinazioni; si dispone che nelle giornate indicate siano sospese l’attività programmata di sala operatoria e riprogrammata alla data più vicina”.
Una necessità che lo stesso dirigente giustifica così: “Sottolineo l’importanza di partecipare a tale corso di formazione, come evidenziato nelle note già trasmesse, evidenziando le responsabilità personali e della dirigenza in caso di mancata partecipazione e/o adesione al processo di informatizzazione ormai in atto”.

Senza nulla togliere all’importanza del corso che sicuramente serve a migliorare l’efficienza del servizio sanitario del San Marco la domanda che nasce spontanea è: non si potevano organizzare meglio i corsi distribuendo il personale in giornate diverse per evitare disagi e maggiori spese?

Sì perché le conseguenze ora riguardano il disagio per chi aveva già in programma l’intervento e che ha dovuto organizzarsi tra assenze ed orari di lavoro. E, in un clima di continua razionalizzazione delle spese, come si giustifica l’aggravio sulle casse della sanità pubblica di giorni ulteriori di ricovero per chi doveva essere operato mercoledì e giovedì prossimo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche