27 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2021 alle 13:00:00

Provincia di Taranto

Pulsano, Sindaco in Consiglio. Sos dei grillini in Regione

Dopo il sequestro del depuratore, riflettori sui lavori da ultimare


PULSANO – Un depuratore sotto sequestro ed un altro che, da sedici anni, ancora non può entrare in funzione.

Sono gli argomenti che oggi affronterà il consiglio comunale monotematico richiesto dal sindaco Giuseppe Ecclesia dopo la posa dei sigilli da parte della Guardia Costiere all’impianto di contrada Rotondella.

Malfunzionamento e scarico di reflui in mare. Queste le accuse che hanno portato al sequestro dell’impianto attualmente in fuzione a servizio dei territori di Leporano e Pulsano. Un sequestro che ha riacceso il dibattito su un altro tema: i lavori della messa in funzione del nuovo depuratore di contrada Palata.

A fronte di un investimento di circa 20 milioni di euro e di un progetto che risale al 1997, il nuovo impianto non è ancora attivo. Avrebbe dovuto entare in funzione già a novembre, ma furti e tornado hanno costretto l’impresa appaltatrice a risistemare parte delle strutture, cosicchè la consegna è slittata a metà marzo prossimo. Una scadenza che per molti, alla luce del sequestro del vecchio depuratore, non è più procrastinabile.

E forse nemmeno per il sindaco che ha convocato per mezzogiorno di oggi il consiglio monotematico. “L’unico modo per fare chiarezza – afferma il primo cittadino – è sottoporre la questione all’esame della massima assise comunale, informando tutti anche circa lo stato dei lavori del nuovo impianto”.

Ma mentre il sindaco ragiona con i consiglieri, il movimento Meetup Pulsano a 5 Stelle ha già scritto al presidente della V Commissione regionale e all’Acquedotto Pugliese per sollecitare incontri quindicinali al fine di monitorare con costanza i lavori al nuovo depuratore. “E’ ora di battere i pugni sui tavoli che contano” dichiara il portavoce Giuseppe Mastronuzzi “ora bisogna portare a termine l’opera entro il 15 marzo, così come stabilito nel cronoprogramma. Noi vigileremo e non faremo sconti a nessuno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche