Provincia

Rotatoria a Statte, il comandante: hanno scelto i consiglieri

Il progetto: 5 isole spartitraffico e 17 passaggi pedonali rialzati


STATTE – “Il luoghi in cui realizzare i rondò non sono stati decisi da me, bensì attraverso due commissioni consiliari. Ora, però, alcuni consiglieri comunali di opposizione ci hanno ripensato. Non so perchè. Lunedì chiariremo”.

Risponde così il comandante della Polizia Municipale, Aristide Rotunno alle polemiche che in questi giorni si sono accese in città per la realizzazione di cinque isole spartitraffico e 17 passaggi pedonali rialzati.

Il progetto è finanziato con i proventi delle multe ed anche in questo il comandante è chiaro: “non possono essere utilizzati per altri scopi, ma solo per migliorare la viabilità”.

L’obiettivo è chiaramente quello di garantire la sicurezza ad automobilisti e pedoni. “E’ chiaro che prima di decidere se realizzare una rotatoria stiamo valutando ogni eventualità” chiosa il comandante.

La questione è nata in particolare su sollecitazione dei commercianti di piazza Vittorio Veneto che vedevano a rischio le proprie attività pensando ad una riduzione dei posteggi auto e sulla circonvallazione dove alcune foto postate su facebook stanno facendo il giro del paese segnalando disagi alla circolazione nel caso del passaggio di autotreni.

“La verità – commenta ancora il comandante – è che in quella zona si era finora abituati a correre, ma già tanti sono stati gli incidenti, anche gravi, che si sono verificati. E’ chiaro che il nostro obiettivo deve essere quello di garantire la sicurezza e limitare quindi gli incidenti stradali. E poi non è vero che non ci sono gli spazi di manovra. Il fatto è che i tir a volte parcheggiano al centro della strada per lo scarico delle merci e questo non va”.

Per la piazza Vittorio Veneto la polemica sembra rientrata dopo che il comandante ha effettuato un incontro con i commercianti a cui ha detto: “Non saranno tagliati i posti auto”.

Intanto si valuta la realizzazione di altre due rotatorie: su via Cimarosa nei pressi della scuola elementare e vicino alla Borsellino. Su via S. Francesco c’è già. Mentre i passaggi pedonali saranno realizzati principalmente davanti alle scuole ed alle chiese e nelle zone perferiche dove il traffico è solitamente più veloce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche