23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 15:58:51

Provincia

Movida, chiusura alle 3 per rispettare la quiete

MARTINA F.- Apertura alle ore 9 e chiusura alle ore 3 per garantire il rispetto della quiete pubblica. Così i gestori dei locali e gli organizzatori degli eventi vorrebbero che fosse gestita la movida. E’ raccolta in 21 articoli la proposta che Dido Angelini dell’associazione Eventus ha fatto redigere da alcuni esperti e che intende sottoporre all’attenzione dei dirigenti comunali che alla vigilia delle festività natalizie hanno diffidato i gestori dei locali dallo svolgere le attività di somministrazione e trattenimento fuori dai limiti e dalle forme imposte dalla legge.

Una diffida che ha fatto discutere e che ha mosso artisti e Confcommercio nella direzione unica di redigere un regolamento che disciplini, una volta per tutte, le attività di trattenimento in una città che ha fatto del turismo e dello spettacolo un punto di forza per l’economia locale. Il problema era scaturito da alcune segnalazioni di cittadini infastiditi dalla musica e dagli schiamazzi notturni. Ecco pronta, allora, la proposta che potrebbe accontentare tutti, avventori e abitanti. Partendo dal presupposto che gli esercenti sono liberi di determinare l’orario di apertura e chiusura, nel regolamento viene proposto un massimo di 12 ore per le attività ubicate nel centro storico e nelle zone a destinazione urbanistica prevalentemente abitativa nella fascia oraria compresa tra le 9 e le 3 con interruzione obbligatoria dalle 13,30 alle 16,30. E 14 ore giornaliere massime per gli esercizi ubicati in zone non abitative con chiusura prolungata fino alle 5. Chiusura, invece, alle ore 1 per le attività teatrali e cinematografiche all’aperto e le ore 24 per quelle sportive. Ma prevedono deroghe in occasione delle festività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche