15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 19:30:02

Provincia

Tutti alle primarie il 4 marzo


MARTINA F. – Potrebbero celebrarsi nello stesso giorno, il 4 marzo le primarie del centrosinistra e del centrodestra. Il tavolo di ieri sera al quale erano seduti Pd, Idv, Sel, Amo Martina, La Puglia per Vendola e Psi non ha sortito nulla se non un nuovo rinvio. Ancora una volta il Pd ha proposto la candidatura di Franco Ancona come unitaria per il centrosinistra ritirandola, però, davanti all’ipotesi primarie che gli altri partner della coalizione hanno nuovamente chiesto.

Ma la data inizialmente fissata al 26 febbraio prossimo potrebbe slittare di una settimana e cioè al 4 marzo, giorno in cui anche il Pdl fa sapere di essere pronto a candidare l’ex presidente del consiglio comunale Michele Marraffa in caso di altre candidature del centrodestra. Ma andiamo per ordine. A sinistra regna la confusione più totale perchè il Pd, rotto al suo interno con l’ex capogruppo Giandomeni Bruni che ha già battuto i pugni davanti al dietro front sulla sua candidatura in favore di quella di Ancona, ha preso tempo. Stasera il direttivo si riunirà nuovamente per studiare le nuove mosse da sottoporre al tavolo del centrosinistra che tornerà a riunirsi già domattina. Ma i tempi stringono e l’ipotesi primarie diventa ogni giorni di più una certezza. Il Pd vuole primeggiare e proporre la sua candidatura, ma una per tutti. Gli altri, però, non ci stanno. Non sul nome di Ancona. Si torna, quindi indietro di una settimana quando la situazione si era incagliata sullo stesso argomento. Il Pd non vuole le primarie, gli altri sì. L’unico punto di incontro allora fu la candidatura di Pentassuglia. Il suo nome per unire. Chissà che il Pd non torni sui suoi passi. Intanto anche a destra esiste qualche intoppo sulle candidature. Il senatore Lino Nessa tenta di muovere le acque e con una nota non lascia dubbi ad interpretazioni: Michele Marraffa è il candidato del Pdl a meno che non spuntino altri nomi pronti per fare le primarie interne al Pdl il 4 marzo. Domani scade l’ultimatum. Entro domani, cioè, dovranno essere proposti i nomi degli antagonisti o quello di Marraffa sarà sulla lista. C’è già la sua disponibilità. “E’ prevalsa la logica di squadra unitaria e coesa” scrive in una nota sottolineando che “la strada che il Pdl vuole seguire è quella di condividere una scelta importante che guardi esclusivamente al bene di Martina in una logica di squadra e di condivisione di idee”. In mezzo c’è il Terzo Polo da cui, però, non traspare nessun segnale nè verso la sinistra (da cui però ha avuto un niet) nè verso destra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche