25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 16:22:59

Provincia

Strade colabrodo, arriva una pioggia di ricorsi

Nel solo mese di maggio il Comune di Grottaglie ha dovuto ricorrere al legale per difendersi da una decina di richieste di risarcimento danni


GROTTAGLIE – Strade e marciapiedi ridotti a colabrodo e sul Comune piovono richieste di risarcimento danni.

Nel solo mese di maggio la giunta ha dovuto affidare il mandato legale per difendersi dalle istanze dei cittadini. Numerose le segnalazioni di buche e pavimentazioni sconnesse che hanno attivato i legali difensori di chi si definisce vittima della strada.

Dal centro alla periferia le strade di Grottaglie sembrano essere una vera minaccia per pedoni ed automobilisti. Tra le ultime segnalazioni figura la strada extraurbana che collega la Sp Grottaglie-San Giorgio (ex SS7) con la Sp 84 Grottaglie-Carosino. Qui una grossa buca ha causato danni ad una vettura. Anche un Ducati sarebbe stato danneggiato da una serie di buche in contrada Tratturello martinese, in agro di Grottaglie.

Un altro automobilista, invece, chiede il risarcimento danni per la propria vettura danneggiata da una buca su viale Carlo Marx all’altezza del civico 16.

Oltre ai danni materiali ai mezzi di trasporto, ci sono anche danni fisici subiti da chi si è trovato a percorrere le vie del paese. Una signora chiede il risarcimento per una caduta causata a suo dire dalla viscosità della pavimentazione sulla piazzetta Leopardi. Un’altra a causa di una buca sul marciapiede di viale Gramsci; una’ltra ancora per la sconnessione della pavimentazione sulla piazza Verdi all’altezza dell’incrocio tra via Leonacavallo e via Pacinotti; un’altra ancora per le mattonelle sconnesse sul marciapiede di via XXV Aprile in prossimità della piazzetta posta all’incrocio con via Benedetto Petrone; un altro per la buca in via Quaranta. Infine anche un bimbo sarebbe caduto dalle braccia della nonna a causa della presenza di una buca sul marciapiede di viale Gramsci . La stessa segnalata da un’altra vittima.

La giunta ha dato mandato al legale per costituirsi in giudizio.

Intanto un’altra strada, quella all’ingresso del paese, è stata oggetto di polemiche dopo la morte del giovane Alessandro Marinelli deceduto a causa della caduta dal motorino che potrebbe essere stata causata anche dalle condizioni del manto stradale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche