Provincia

Strada killer, finalmente i primi interventi

Sulla curva dove ha perso la vita Alessandro Marinelli arrivano i delimitatori e la velocità passa dai 50 ai 30 chilometri orari


GROTTAGLIE – Arrivano i primi interventi sulla strada killer. Alla curva di via Partigiani Caduti, in uscita da Grottaglie, sono stati sistemati alcuni segnali stradali che evidenziano lo stato di pericolo.

Si tratta della curva in cui a fine maggio scorso ha perso la vita il giovane body building Alessandro Marinelli. A bordo di uno scooter, il ragazzo che viaggiava insieme al fratello, è finito rovinosamente sull’asfalto. Dopo alcuni giorni di coma, il suo cuore ha smesso di battere. Una tragedia che ha scosso la comunità grottagliese e non solo.

Un’altra giovane vita spezzata da un incidente stradale. Intanto un’altra ragazza lotta tra la vita e la morte nel reparto di Rianimazione del Ss. Annunziata dopo l’incidente avvenuto a Chiatona. Alessandro aveva solo 17 anni.

Alla notizia del suo decesso è stato il sindaco Ciro Alabrese a segnalare la pericolosità di quel tratto di strada comunale e a promettere interventi di miglioramento che possano scongiurare altri incidenti stradali. Per ora, intanto, la polizia municipale invita alla prudenza.

Alcuni paletti sono già stati sistemati sul marciapiede in attesa che l’asfalto venga ripristinato. Le radici degli alberi devono aver sconnesso il manto stradale. Lungo il marciapiede in prossimità della curva sono stati installati i delimitatori di curva, proprio ad indicare, anche di notte e quindi con una visibilità ridotta, il percorso altamente pericoloso.

Poco prima, però, sempre la polizia municipale ha fatto sistemare un cartello che indica il limite di velocità ridotto da 50 a 30 chilometri orari.

“Si tratta – ci spiega il comandante della polizia municipale, Giovanni Esposito – di interventi sempre ritardati perchè quella strada doveva essere asfaltata”. Purtroppo molte delle strade ioniche rappresentano una vera minaccia per automobilisti, motociclisti, ciclisti e pedoni. Gli incidenti stradali, più e meno gravi, sono alla portata del giorno.

E’ giusto quindi ricorrere a tutti i tipi di interventi necessari a rendere le strade più sicure, perché non si può attendere sempre che accada il peggio per agire. L’associazione vittime della strada ha più volte tracciato una mappa delle strade pericolose della provincia ionica e anche per Grottaglie, proprio Taranto BuonaSera ha segnalato alcune tra le strade cittadine in cui si sono registrate cadute e danni ai mezzi a causa delle buche.

“Sono strade – ci dice ancora il comandante Esposito – per le quali già un anno fa abbiamo provveduto a segnalare la necessità di provvedere al ripristino. Man mano gli interventi si stanno eseguendo”.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche