20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 09:30:53

Provincia

Affissioni selvagge, prime multe


MARTINA F. – L’ordinanza commissariale per il decoro urbano emessa a fine gennaio scorso comincia a produrre i primi effetti. Sono già state elevate le prime multe, tutte per affissione selvaggia. E non siamo ancora in piena campagna elettorale. I vigili urbani sono alla “caccia” di chi non rispetta il codice etico disciplinato dall’ordinanza che vieta, appunto “di deturpare e imbrattare le facciate degli edifici e la pavimentazione stradale” nonchè “di affiggere volantini, avvisi o manifesti, in genere agli alberi o ai cartelli stradali”.

Da quando l’ordinanza è entrata in vigore (a metà febbraio) sono cinque le multe elevate soprattutto nei confronti di chi, tra corso Italia e via A. Fighera, ha utilizzato le pareti degli edifici per pubblicizzare eventi e iniziative (soprattutto di carattere sportivo). Ma l’ordinanza prevede sanzioni anche per chi getta per terra i rifiuti, o porta i cani a spasso senza usare la dovuta “paletta” o ancora per chi lascia per terra la classica bottiglia di birra o per chi imbratta i monumenti. Un’ordinanza precisa e puntuale che, però, non tiene conto dell’organico risicato del Comando di Polizia Municipale a cui si sta cercando di correre ai ripari assumendo sette nuovi vigili urbani a tempo parziale e determinato (18 ore settimanali per tre mesi). Sono gli stessi vigili urbani ad ammettere l’inadeguatezza dell’organico rispetto ad un territorio vasto e vario come quello di Martina Franca. Una ventina di agenti che devono gestire uffici e strada. “Con un organico così – confessa uno di loro – difficilmente riusciremo a mettere in pratica l’ordinanza”. Certamente si da precedenza alla prevenzione degli incidenti stradali (in cui saranno impiegate le nuove unità che in tre mesi non faranno nemmeno in tempo a conoscere il territorio). A margire il problema dei parcheggi selvaggi che, ovviamente con i vigili urbani che scarseggiano negli ultimi anni ha preso il sopravvento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche