12 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Aprile 2021 alle 07:19:17

Provincia

Un altro bimbo investito davanti alla “Marconi”


MARTINA F. – Un altro bambino è stato investito stamattina davanti alla scuola elementare “Marconi”. E’ il secondo caso in poco più di due mesi. A gennaio fu una bambina a rimanere vittima di un incidente mentre stava attraversando la strada. Oggi è toccato ad un maschietto e, a quanto pare, anche lui stava attraversando la strada, ma da solo. Una svista dei genitori o cosa? Comunque, il bambino è stato investito. Per fortuna, questa volta, a differenza della bimba che a gennaio riportò una frattura al piede, stamattina è stata evitata la tragedia.

Il piccolo sta bene e non è stato nemmeno portato in ospedale, ma il caso riaccende le polemiche. Due incidenti in soli due mesi fanno riemergere il problema della sicurezza su via Taranto. Problema che era già stato sollevato a gennaio quando con una lettera al commissario straordinario Sandro Calvosa si chiedeva di intervenire tempestivamente. Nella sua risposta il commissario evidenziava la carenza degli agenti di polizia municipale e che neppure il bando di concorso conclusosi con la stesusa di una graduatoria da cui assumere 7 vigili urbani in più sarebbe stato in grado di colmare la grave carenza segnalata. Insomma già a gennaio dal Comune facevano sapere che non è possibile garantire la presenza di vigili urbani davanti alla scuola. Il territorio martinese è vasto e i problemi sono tanti. Ma per superare le difficoltà oggettive del comando di Polizia Municipale basterebbe solo un po’ di buona volontà, o meglio basterebbe riattivare il sottopasso pedonale che esiste proprio nelle vicinanze della scuola elementare Marconi, ma che resta chiuso da sempre per via di problemi igienici. Riattivandolo, magari, si potrebbe consentire ai più piccoli di attraversare la strada in maniera certamente più sicura e senza rischiare di rimanere vittime di incidenti.

M.D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche