Provincia

Statte, via al nuovo poliambulatorio

La giunta ha deliberato l’atto di indirizzo per assegnare alla Asl un’ala dell’ex mercato coperto di via Giordano


STATTE – L’ex mercato coperto va all’Asl.

Dopo l’approvazione del Piano Sociale di Zona (che riguarda i comuni di Massafra, Statte, Mottola e Palagiano), la giunta muncipale con delibera n. n.80 del 7 agosto scorso ha approvato l’atto di Indirizzo per la cessione del mercato coperto di via Giordano, con la relativa area mercatale, alla Asl per la realizzazione di un poliambulatorio socio sanitario.

Una soluzione che porrà fine ai disagi relativi alla carenza di locali presso l’attuale poliambulatorio di Statte.

“In questi mesi – racconta il neo assessore ai Servizi Sociali, Vincenzo Chiarelli – si sono svolti numerosi incontri tra l’amministrazione comunale, le organizzazioni sindacali locali di Cgil e Cisl, rappresentate dai segretari comunali Piero Rotelli e Bruno Acquaro e il coordinatore del distretto socio sanitario n.2, dott. Colacicco, allo scopo di trovare delle soluzioni alle carenze di locali presso l’attuale poliambulatorio dell’Asl che priva i cittadini di Statte della possibilità di avere a disposizione altre branche specialistiche di medicina. Nell’ultimo incontro si è giunti alla proposta di utilizzare il mercato coperto, di proprietà del Comune di Statte, parzialmente utilizzato e che per le dimensioni si presta a tale scopo. Il direttore generale dell’Asl di Taranto Fabrizio Scattaglia, con la nota del 6 giugno ha accolto questa proposta invitando l’amministrazione comunale a formalizzare il relativo atto di indirizzo”.

In concreto l’Asl ha formalizzato la richiesta di avere l’immobile in comodato gratuito per una durata trentennale, ristrutturando completamente l’immobile ed attivando specifici finanziamenti disponibili presso la Regione Puglia. L’Amministrazione comunale di Statte chiederà che una parte dell’immobile ristrutturato venga adibito ad uffici comunali a costo zero per il Comune.

Nei prossimi giorni il Comune di Statte e l’Asl costituiranno un apposito tavolo tecnico attraverso il quale si perverrà alla definizione di un protocollo d’intesa secondo lo schema di convenzione che verrà predisposto, invitando anche le organizzazioni sindacali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche