27 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Settembre 2021 alle 16:47:00

Provincia di Taranto

Fuga dal Pdl. Martino Miali non sarà nella lista


MARTINA F. – Inizia la fuga dal partito. Martino Miali non sarà nella lista del Pdl. Anche lui, come Raffaella Spina non ha accettato la scelta di candidare a sindaco della città Michele Marraffa. “E’ una scelta imposta senza alcuna concertazione – spiega – assunta solo due giorni dopo aver fatto saltare le primarie. Non c’è stato alcun incontro con il partito per decidere e questo non lo condivido e tanto meno lo accetto. Per questo posso già dire che non mi candiderò nel Pdl”.

Proprio ieri Raffaella Spina, anche lei in rotta di collisione con il partito, aveva indicato Martino Miali tra i suoi “amici” ai quali rivolgeva l’invito “di costruire una grande alleanza con una lista aperta a tutti coloro i quali vogliono contribuire realmente al cambiamento della città”. Ed il simbolo della lista è già pronta e gira su facebook: Cambiamo Martina. Insomma ha lanciato l’idea di una lista civica alternativa a quella del Pdl. Una proposta che Miali considera “valutabile” e che prenderà in considerazione da subito. “Non ho ancora deciso cosa fare – sottolinea – ma di sicuro non sarò tra i candidati del Pdl”. Decisi a cambiare anche quelli di Fli che ieri hanno abbandonato la squadra del Terzo Polo di Michele Muschio Schiavone per avvicinarsi alla lista degli ex Udc, Vito Pastore e Paolo D’Arcangelo che, dopo il commissariamento del partito, hanno creato il movimento “Manduria Migliore” in alternativa al centrodestra. Anche loro, quindi, in fuga, ma altri col Pdl potrebbero ancor concludere accordi. Sono La Destra che tramite Marinosci aveva già annunciato il passo indietro del candidato sindaco Leo Cassano e l’Udc a cui anche i vertici provinciali del Popolo delle Libertà, ancor prima dello sfascio e quindi dell’annullamento delle primarie, avevano allargato l’opportunità del voto al Terzo Polo e quindi anche a Michele Muschio Schiavone che, in quell’occassione rifiutò, perchè disse che non ci sarabbero stati i tempi per condividere un programma, ma ora tutto torna in gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche