16 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Ottobre 2021 alle 21:54:00

Provincia di Taranto

A Martina una Notte Bianca diversa dalle altre: veglie e preghiere sotto le stesse

Mercoledì e giovedì l'ex Monastero agostiniano resterà aperto per tutta la notte


L’estate come tempo di riflessione interiore. Con questa idea nasce una “notte bianca” diversa dalle solite: niente musei aperti, concerti o shopping notturno.

A Martina Franca, nel cuore della Valle d’Itria, oggi e giovedì 28 agosto si potrà pregare e confessarsi sotto le stelle in un chiostro aperto per l’occasione.

L’idea è nata dalla Congregazione dei sacerdoti del paese, che fa parte della diocesi di Taranto. Sarà un modo originale per festeggiare sant’Agostino, a cui la cittadina è molto devota. Il belvedere dell’ex monastero agostiniano resterà aperto per tutta la notte, così come la chiesa, intitolata alla Madonna della Purità, dove si svolgerà una veglia di preghiera a partire dalle 21 di domani.

“Si potranno percorrere le vie del chiostro e del belvedere, sino a notte fonda ed anche all’alba – spiega don Martino Mastrovito, tra i promotori dell’iniziativa – ascoltando in sottofondo musica sacra ed alcuni brani registrati, tratti dalle Confessioni di sant’Agostino. Si tratta di testi in cui il santo parla di conversione, del rapporto con Dio, del suo cammino spirituale e mirano a favorire la ricerca interiore di ciascuno. Alla riflessione personale, chi vorrà, potrà poi far seguire il sacramento della confessione”.

Tanti i sacerdoti a disposizione durante la notte: “Facciamo seguito – conclude don Martino – ad un invito specifico del Santo Padre sull’apertura notturna delle chiese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche