21 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Ottobre 2021 alle 14:58:00

Provincia di Taranto

Allarme amianto vicino al Cimitero, la denuncia

Due consiglieri di maggioranza di Palagiano segnalano cumuli di rifiuti ed una lastra abbandonata da tre mesi in centro


PALAGIANO – Vecchie cisterne, tegole, canne fumarie e tubi: sulla strada che costeggia – sul lato destro – il cimitero di Palagiano scatta l’allarme amianto. A denunciare lo stato di degrado della zona sono due consiglieri di maggioranza. Simone Lippolis e Mauro Tagariello attaccano: “è il risultato dell’incuria del territorio, della mancanza di controllo dovuta alle poche unità di polizia locale e della mancata applicazione delle regole”.

Sono state le segnalazioni dei cittadini ad allertare i due consiglieri che hanno verificato come “in contrada Lamaderchia, in particolare sulla strada che costeggia il lato destro del cimitero comunale, sono presenti innumerevoli cumuli di materiale edile di risulta. Si è notato che sono presenti anche cumuli di amianto di diverse forme: vecchie cisterne, tegole di copertura, canne fumarie, tubi e, purtroppo, anche amianto sbriciolato”.

I due esponenti di maggioranza hanno denunciato la situazione al sindaco e ai vigili urbani chiedendo al comando di fare un sopralluogo. “La zona – si legge nella denuncia – è sottoposta a forti venti che fanno disperdere pericolosamente nell’aria le fibre di amianto che facilmente possono arrivare sia nel vicino cimitero che nei campi agricoli dove ci sono lavoratori. Si fa notare che la zona è anche abitata”. Sono proprio i residenti ad assicurare che la situazione è così da tempo. Mentre sono passati tre mesi dalla segnalazione che riguarda il centro del paese. “In via Macello – ricordano Lippolis e Tagarielllo – all’altezza dell’ingresso del vecchio oleificio vi è una lastra di amianto abbandonata, proprio di fronte ad un’attività commerciale. Si precisa che via Macello è ormai una via centrale, molto trafficata e percorsa da pedoni.

Di qui la richiesta di intervento da parte della Polizia Locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche