Provincia

Raffaella Spina: “Mi candido ed ho già pronta la lista”


MARTINA F. – Detto… fatto. Raffaella Spina si candida a sindaco della città alla guida della lista civica “Cambiamo Martina”. Dopo la rottura con i vertici martinesi e provinciali del Pdl, Spina che si era già candidata alle primarie del partito, non rinuncia a scendere in campo per le amministrative del 6 e 7 maggio. “Non sono io a volermi candidare – dichiara – ma quanti me lo continuano a chiedere. Il senatore Nessa e Michele Marraffa (il prescelto dal Pdl alla candidatura a sindaco, ndr) pensavano di essersi sbarazzati di me dopo il bluff delle primarie. Ma eccomi pronta a mettermi in gioco per cambiare il modo di fare politica a Martina Franca”.

Il suo motto è appunto “Cambiamo Martina” che contraddistingue la lista che dice di avere già pronta, ma che ufficializzerà solo tra qualche giorno. “Il mio punto di forza è la gente e Cambiamo Martina – spiega – è la lista con cui mi propongo per dare un nuovo vestitoalla città. Un vestito politico e amministrativo diverso da quello del passato. Un’altra settimana di tempo e poi si parte. Stiamo incontrando altre liste”. “Cambiamo Martina” quindi potrebbe diventare una coalizione e non sono esclusi colpi di scena. “Siamo stati contattati anche dall’Udc di Michele Muschio Schiavone” riferisce Spina che dice di avere già tra le mani la lista dei 24 papabili alla carica di consigliere comunale. “Non posso ancora fare i nomi perchè i candidati me lo hanno chiesto – sottolinea – ma posso già dire che tra loro ci sono volti noti della politica martinese, ma anche nuove personalità e professionalità”. Chissà se tra loro ci sono anche Mario Caroli e Martino Miali che pure hanno rotto col Pdl dopo l’annullamento delle primarie. Spina è anche nel coordinamento provinciale del Pdl. “Purtroppo i fatti parlano chiaro – dice – il Pdl tarantino non riesce ad uscire fuori dalle secche di una gestione verticistica che lo sta portando al completo fallimento”. Ho già detto – ricorda – che non farò accordi con nessuno in un eventuale ballottaggio. Se ce la farò andrò avanti da sola. Sono tanto sicura che, qualora dovessi essere eletta consigliere comunale, lascerò il posto al primo dei non eletti, se dovesse essere solo uno. Ma sono sicura che vinciamo o portiamo diversi consiglieri in Consiglio comunale.

M.D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche