Provincia

“Non vogliamo il tabellone”


MASSAFRA – “Più alberi meno cartelli”. Recita così uno degli striscioni che stamattina un gruppo di cittadini ha mostrato in corso Roma 109, lì dove si sta per installare un pannello pubblicitario luminoso di 6 metri per 3. Sono scesi in strada i residenti della zona per protestare contro una scelta subito contestata all’amministrazione comunale. Questi i fatti. Circa sei mesi fa la commissione urbanistica si è riunita per valutare la proposta di installazione di alcuni pannelli luminosi in città. Il parere espresso fu positivo, ma già allora ci furono le prime avvisaglie.

Dal Pd votarono contro chiedendo prima un regolamento che disciplinasse la materia per evitare l’installazione selvaggia. Immediatamente è scattata la protesta dei residenti. Circa un’ottantina di persone che con l’installazione del pannello avranno ostruite le finestre. “Qui ci vivono soprattutto anziani e anche qualche disabile – ci racconta il signor Giovanni, tra i portavoce del comitato spontaneo – e per molti di loro quelle finestre sono l’unico contatto con l’esterno. Stiamo parlando di persone che hanno bisogno di affacciarsi alla finestra per non sentirsi sole”. “L’amministrazione comunale ci aveva garantito che quel cartello non sarebbe stato installato – aggiunge – eccoci qui, invece, ad assistere ai lavori”. A quanto pare la commissione avrebbe rivisto la proposta, bocciandola in seconda battuta. Ma intanto l’autorizzazione era già stata concessa e l’azienda da ieri ha dato il via all’installazione. Che a quanto pare non sarà l’unica. “Ci sentiamo presi in giro dal sindaco e dalla sua amministrazione” contestano i cittadini che hanno assistito anche alla capitozzatura di due alberi per far spazio al tabellone. “Addirittura sono state realizzate le strisce pedonali – osserva Vittorio – che secondo il codice della strada non consentono l’installazione nelle immediate vicinanze di tabelloni come questo”.

M.D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche