22 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 16:13:38

Provincia

Nessun veto dell’Idv per Fli con Ancona


MARTINA F. – L’Idv accetta l’allargamento a Fli della coalizione a sostegno di Franco Ancona sindaco. Cade il primo veto imposto nei giorni scorsi dopo che i Comunisti Italiani avevano detto no all’ingresso di Fli e di Martina Migliore nella coalizione di centrosinistra. No ad alleanze con forze politiche di destra, avevano detto i Comunisti che avevano rivolto l’appello alle altre forze della coalizione per tornare ad una compagine pura di centrosinistra. Un contatto c’era stato con Idv e Sel, anche loro inizialmente perplessi dall’ingresso di persone che avevano fatto parte dell’amministrazione di centrodestra.

Si è aperto un tavolo di confronto con Ancona e con il Pd che in una nota di ieri, a firma del consigliere regionale Donato Pentassuglia e del segretario cittadino Nunzia Convertini, dichiarava: “Abbiamo sempre lavorato all’unificazione del centrosinistra, auspicando l’allargamento a movimenti e liste che mettessero al centro delle azioni un progetto politico forte per la città di Martina Franca, e continueremo a farlo, fino all’ultimo giorno utile”. Insomma non si torna indietro. Intanto, però, l’Idv sceglie l’alleanza. “Bisogna vincere queste elezioni” dichiara il segretario provinciale Antonio Martucci che scigliendo la riserva fa cadere il veto nei confronti delle nuove liste. Il progetto di allargamento voluto da Ancona resta dunque la priorità. I Comunisti per ora non si dichiarano sapendo che non più tardi di una settimana fa avevano scritto che se non si fosse tornati alla coalizione originaria “la Federazione della Sinistra presenterà una propria lista ed un proprio candidato”. Resta da capire anche la posizione di Sel e quella di Vito Pastore del movimento Martina Migliore che, intanto, ha posto le condizioni per rientrare nella coalzione (riunire Bruni, Lasorza e Anania Chiarelli che cinque anni fa sono stati gli antagonisti di Palazzo, sfiorando insieme il 50% dei voti). Ma Giandomenico Bruni non sembra voler tornare sui propri passi. Ieri da queste colonne ha annunciato la sua volontà di non candidarsi. A nulla pare servito l’appello lanciato dal suo amico Pentassuglia per un rispensamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche