Provincia

Depuratore. Il Comune incalza. Ora tocca all’Aqp


PULSANO – “Noi rispetteremo la data pattuita a Bari con l’assessore Amati per la consegna dei lavori del recapito finale”. Stamattina l’architetto Mimmo Netti dell’ufficio tecnico comunale ed il sindaco Giuseppe Ecclesia hanno tenuto una conferenza stampa nei pressi del depuratore consortile di contrada La Palata per illustrare lo stato di avanzamento dei lavori per il recapito finale. La condotta di circa 4 chilometri consentirà di scaricare le acque depurate nel canale maestro ai piedi di Faggiano.

“I lavori procedono senza alcuni intoppo” ha dichiarato l’architetto “e per il 3 dicembre l’opera sarà consegnata e pronta”. Ma c’è un ma perchè dal Comune temono ritardi per la messa in funzione del depuratore. “Le opere che l’Acquedotto si era impegnato ad avviare – hanno detto gli amministratori – non sono ancora partite. L’8 marzo scorso l’Autorità Idrica ha inoltrato una lettere di sollecito all’ente idrico perchè si attivi immediatamente e questo ci fa preoccupare ulteriormente perchè significa che nulla si è ancora mosso”. Per rimettere in funzione il nuovo depuratore fermo dal 2003, l’Aqp ha previsto 510 giorni. Ma la data va ben oltre il 3 dicembre che il Comune ha fissato per la consegna del recapito finale. Il rischio è di aver lavorato in fretta per poi attendere. Quando, invece, l’attivazione del nuovo depuratore, che raccoglierà le acque di Pulsano e Leporano, è più che necessaria perchè servirà a risolvere il problema dello scarico a mare. Si rischia, insomma, di perdere altro tempo e di vedere un’altra estate, quella del 2013, costellata di polemiche e proteste da parte dei bagnanti. “Noi ci siamo attivati subito – hanno detto sindaco e assessore ai Lavori Pubblici, Francesco Lupoli – si sta procedendo con la sistemazione dei tubi e rispetteremo le scadenze pattuite, vorremmo che anche gli altri facciano lo stesso”. Una lettera sta per partire dagli uffici comunali all’indirizzo dell’Aqp per sollecitare ulteriormente l’avvio dell’intervento e garantire tempi celeri per la messa in funzione del nuovo depuratore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche