11 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Aprile 2021 alle 08:07:16

Provincia

Manifestazione a Crispiano. Il ricordo del capitano Basile

La villetta di via Montegrappa intitolata all’ufficiale dell’Arma di origini tarantine ucciso in Sicilia in un agguato di mafia


CRISPIANO – “Solo con il ricordo e la memoria di grandi uomini come il capitano Basile potremo formare attivamente le nostre coscienze”. L’amministrazione comunale di Crispiano, guidata dal sindaco Egidio Ippolito, su proposta dell’assessore alla Cultura, Giuseppe Delfino, oggi ricorda una indimenticata vittima della mafia, il capitano dei carabinieri, Emanuele Basile, intitolando la Villetta di via Montagrappa alla sua memoria. Sono stati invitati alla manifestazione il prefetto Umberto Guidato e tutte le autorità civili e militari. In programma l’intervento  della banda municipale di Crispiano e degli istituti scolastici con una delegazione di alunni in rappresentanza delle future generazioni.

Il capitano Basile, tarantino,  si è distinto per operazioni di servizio e difficili e prolungate indagini in un ambiente, la Sicilia, caratterizzato da una tradizionale e alquanto radicata omertà. Grazie al suo lavoro, furono arrestati numerosi e pericolosi aderenti ad organizzazioni mafiose. Fu ucciso in un agguato e la sua dedizione al dovere e il suo sacrificio non possono non essere considerati come esempio per le giovani  generazioni. “Impegno di questa Amministrazione, sin dal suo insediamento, è stato quello di rimarcare quanto fosse importante sensibilizzare la nostra comunità verso la lotta alla mafia, considerato il “cancro” della nostra società” si legge in una nota. 

Entusiasta il sindaco Ippolito per la bella iniziativa e per l’abbinamento della riqualificazione urbana al messaggio culturale e sociale e soprattutto, per come tutta la maggioranza abbia partecipato attivamente per la riuscita della manifestazione. Grande soddisfazione ha espresso il presidente del Consiglio, Francesca Millarte, che ha coordinato i lavori insieme all’Arma dei Carabinieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche