25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 19:57:00

Provincia di Taranto

Cardiologi a confronto al congresso dell’Arca

I temi trattati nel corso del 5° Congresso Provinciale ionico


MOTTOLA – Dai nuovi antiaggreganti nella sindrome coronarica acuta alla terapia anticoagulante orale; dalle novità per l’ipertensione arteriosa, previste dalle nuove Linee Guida alla sincope; dalla prevenzione della morte improvvisa nell’atleta alla terapia ipoglicemizzante nel cardiopatico ospedalizzato.

Ed, ancora, dalla terapia farmacologica della cardiopatia ischemica cronica alla rivascolarizzazione coronarica ibrida; dalla fisiopatologia alla diagnosi, sino alla terapia farmacologica o elettrica per lo scompenso cardiopatico. Sono stati questi i temi trattati nel corso del 5° Congresso Provinciale ionico dell’Arca (Associazione Regionale Cardiologi Ambulatoriali) Puglia – Taranto che si è tenuto a Mottola, nella sala congressi dell’Hotel Cecere.

In tre sessioni si sono avvicendati medici di alto spessore professionale: Umberto Rizzo ed Angelo Aloisio, responsabili della Segreteria Scientifica, Ettore Antoncecchi, Gaetano Buta, Michele Antonio Clemente, Vincenzo Cucci, Eleonora Devangelio, Vitantonio Fanelli, Cosima Farilla, Cesare Giannattasio, Mario Laneve, Concetto La Rosa, Adele Lillo, Maria Maiello, Luigi My, Pasquale Palmiero, Mariano Rillo, Ciro Russi, Antonio Scarcia, Fernando Sogari e Luigi Truncellito. I lavori sono stati aperti da Angelo Aloisio, aiuto cardiologo UDD Utic – Cardiologia Casa di Cura “Villa Verde” di Taranto, consigliere regionale Arca Puglia e, a breve, nuovo vicepresidente.

Ha ringraziato gli sponsor e, per i patrocini, l’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Taranto e il sindaco Luigi Pinto. “E’ un evento che mi rende particolarmente orgoglioso – ha detto Aloisio – perché, anche quest’anno, siamo riusciti a portare a Mottola, un Congresso Provinciale, che, a giudicare dal risultato, ha riscontrato un successo notevole”.

Al suo fianco, il presidente regionale dell’Arca Puglia, Umberto Rizzo, responsabile Cardioangiologia Casa di Cura “Mater Dei”, a Bari “Abbiamo inteso affrontare tematiche di cardiologia clinica ed interventistica, temi riguardanti lo scompenso cardiaco in questo 3° millennio, oltre ad altri temi di grande attualità, che hanno stimolato un grande interesse da parte dei partecipanti. Per noi dell’Arca – ha continuato Rizzo – organizzare questi eventi, è un impegno ed una missione, al tempo stesso, per dare, sia dal punto di vista culturale che pratico, delle risposte ai cardiologi, ma anche ai medici di Medicina Generale, su come operare per la migliore gestione possibile, sia ospedaliera che extraospedaliera, del paziente cardiopatico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche