30 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 29 Ottobre 2020 alle 09:13:06

Provincia

Ospedale, il Pd ora tenta col commissario


TARANTO, 05/06/2002 OSPEDALE DI MANDURIA

MANDURIA – Ultimazione dei lavori della terapia intensiva e attivazione del servizio, così come previsto dall’Asl entro il mese di settembre; no alla chiusura di qualsiasi struttura complessa, sia chirurgica che medica, essendo le stesse riferimento di Taranto, Brindisi e Lecce; invito alla Asl di definire in tempi brevi la questione relativa ai servizi territoriali collocati nel palazzo di via per San Pietro in Bevagna, recentemente dichiarato inagibile; sollecito all’azienda sanitaria locale affinchè definisca, in tempi brevi, l’apertura del poliambulatorio in costruzione lungo viale Aldo Moro.

Sono le richieste che Emiliano Pacifico, segretario cittadino del Pd rivolge al nuovo commissario prefettizio, dott. Aldo Lombardo. Il gruppo politico dell’ex opposizione, dopo aver mandato a casa il sindaco Paolo Tommasino, cerca di scongiurare ulteriori scippi e rimodulazioni alla struttura ospedaliera cittadina che raccoglie un bacino di untenza da circa 200 mila abitanti. Chiede, infatti, a Lombardo di portare in conferenza dei sindaci le istanze e le proposte per il nosocomio ora che, praticamente, è lui a guidare la stessa assemblea che fino a poco tempo fa era sotto la direzione di Tommasino. “Da sempre la comunità – scrive Pacifico – si è battuta per il potenziamento e miglioramento dell’offerta sanitaria del nosocomio messapico. Manduria è posizionata al centro delle province di Taranto, Brindisi e Lecce, e soffre da sempre di una carente e incompleta rete viaria che consenta di raggiungere le città capoluogo, sede di ospedale, in tempi ragionevolmente brevi. Inoltre, la collocazione del nostro ospedale e le ottime professionalità che vi operano, rappresentano il punto di riferimento di diversi Comuni. La domanda sanitaria, poi, raddoppia durante la stagione estiva, allorquando sulla nostra costa giungono i turisti per godere del nostro mare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche