23 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Settembre 2021 alle 20:49:00

Provincia di Taranto

“Riorganizzeremo gli uffici comunali per migliorare i servizi”


MARTINA F. – L’area moderata sta con Michele Muschio Schiavone. E’ lui il candidato del cosiddetto Terzo Polo di Valle d’Itria. Lui, che ha lasciato il Pdl, per guidare una coalizione composta da Udc, Api, Udeur e Movimento per le Autonomie. Quattro liste in suo sostegno per sbaragliare i due poli storici di destra e sinistra. Michele Muschio Schiavone, quanto è stato difficile riuscire a comporre le liste considerando la frammentazione politica che caratterizza questa tornata elettorale? “Mi sono occupato personalmente della lista Udc perchè sono anche il coordinatore cittadino del partito e devo dire che non ho riscontrato alcuna difficoltà.

Anzi una parte dei candidati che avevano scelto l’Udc sono finiti nella lista di Mpa. D’altronde sono le più forti”. A chi toglierà i voti la sua candidatura? “Mi auguro che non siano gli altri a toglierli a noi. Scherzo, anzi ritengo che l’area di centro sia molto larga perchè gli altri hanno scelto la destra o la sinistra, lasciando fuori il centro”. Sembra essere la campagna elettorale degli appelli alla pace ed al decoro urbano. Altri candidati lo hanno già fatto. Lei ha un appello da lanciare? “Mi sembra strano che un candidato chieda il rispetto delle regole, perchè è sottinteso. Ritengo, invece, sia solo un modo per farsi campagna elettorale. Al massimo il mio appello lo rivolgo alla città e non agli altri candidati”. A proposito di appelli sul facebook c’è l’invito dell’organizzazione del concorso Sotto le stelle a sostenere la kermesse. Che ne pensa? “Credo che bisogna fare un’analisi a 360 gradi di tutte le iniziative e sostenere quelle ritenute utili. Il turismo riveste un ruolo fondamentale per il territorio e passa attraverso le iniziative”. Tagli e tasse. E’ questo che la futura amministrazione dovrà affrontare. Che idee ha in proposito? “Non sarà una gestione facile, lo so. Ma tutto dipende dalla macchina organizzativa. Ci sono stati tanti pensionamenti che hanno messo in difficoltà gli uffici comunali”. Nel suo programma elettorale lei annuncia la riorganizzazione della macchina amministrativa. Ci spiega come? “Con la formazione, l’incentivo e la collocazione giusta del personale perchè oggi i problemi sono ricollegabili ad una macchina amministrativa che non funziona come dovrebbe. Se ci sono contenziosi o domande inevase e perché non vengono predisposti gli atti. Possiamo esprimere tutte le volontà politiche che vogliamo, ma solo una macchina amministrativa che funziona ci consentirà di raggiungere gli obiettivi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche